Home Cronaca FSE, prescritti i reati ambientali per l’ex amministratore Luigi Fiorillo

FSE, prescritti i reati ambientali per l’ex amministratore Luigi Fiorillo

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

La Corte di Appello di Bari ha dichiarato il “non doversi procedere” per prescrizione dei reati nei confronti di Luigi Fiorillo, ex commissario governativo, legale rappresentante e amministratore unico della società Ferrovie Sud Est (poi commissariata e acquistata da Ferrovie dello Stato), imputato per reati ambientali.

In primo grado, nel settembre 2017, Fiorillo, difeso in questo processo dall’avvocato Antonio La Scala e attualmente imputato a Bari in un altro processo per il crac da 230 milioni di euro della società, era stato condannato alla pena di 10 mesi di arresto e 12 mila euro di ammenda (pena sospesa). La magistratura barese gli contestava la gestione di una “discarica non autorizzata, presso la sede della società, di rifiuti pericolosi e non tra i quali liquidi contenenti idrocarburi e olii prodotti da un depuratore”.

I fatti contestati risalgono al 2013, quando fu scoperta nell’area della stazione Fse, in via Capruzzi, a Bari, l’accumulo nel terreno di rifiuti liquidi derivanti principalmente dal gasolio dei treni e dall’acqua usata per il lavaggio delle carrozze contenente residui metallici.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui