Home Apertura Bimbi maltrattati a Noicattaro, maestre si difendono: “Tecniche di contenimento”

Bimbi maltrattati a Noicattaro, maestre si difendono: “Tecniche di contenimento”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Erano ‘tecniche di contenimento’, un modo per calmare i bambini, e non maltrattamenti, i comportamenti delle educatrici e insegnanti della struttura per ragazzi autistici di Noicattaro, arrestate nei giorni scorsi dalla magistratura barese. Le donne si sono difese così dinanzi al gip del Tribunale di Bari negli interrogatori di garanzia.

Tre delle quattro arrestate, tutte ai domiciliari, hanno risposto alle domande mentre una si è avvalsa della facoltà di non rispondere. A quanto si apprende, le tre che si sono difese hanno giustificato le proprie condotte, immortalate anche da registrazioni audio e video, definendole tecniche terapeutiche di distrazione e contenimento, ma in parte hanno anche negato alcune delle accuse della Procura

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui