Home Cronaca Riciclaggio e ricettazione ad Andria: nella cava mezzi rubati anche a Molfetta,...

Riciclaggio e ricettazione ad Andria: nella cava mezzi rubati anche a Molfetta, Gravina e Altamura. Due arresti – VIDEO

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Erano intenti a sezionare un suv sportivo all’interno di una cava, ad Andria, ben protetti dalla presenza del proprietario e dalla guardiania che ne controllava l’ingresso. Era l’ora di pranzo e mai si sarebbero aspettati l’irruzione improvvisa dei carabinieri che, cogliendoli in flagranza di reato, riuscivano così a bloccare e trarre in arresto un pregiudicato 64enne e un 43enne, entrambi del luogo.

La cava, di fatto, era stata trasformata in una vera e propria base adibita al sezionamento di auto oggetto di furto i cui pezzi erano destinati alla successiva commercializzazione illegale. Al momento della cattura, i due arrestati, assieme ad altri complici che sono riusciti a scappare, erano indaffarati a ‘cannibalizzare’ gli interni dell’abitacolo di un suv sportivo al quale avevano già tolto gli sportelli, caricati su un furgone anch’esso oggetto di furto.

Nel corso dell’operazione, venivano rinvenuti i resti di un’altra autovettura sportiva, già cannibalizzata, tre furgoni e un autoarticolato con a bordo una gru, tutti oggetto di furti avvenuti nei giorni precedenti, rispettivamente ad Altamura, Gravina, Barletta, Molfetta e Matera.

Gli arrestati dovranno difendersi dalle accuse di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio e alla ricettazione in concorso. Al momento, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari. Sono in corso indagini per l’identificazione dei complici riusciti a dileguarsi.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui