Home Cronaca Bari, sede di CasaPund resta chiusa. Il Riesame: “Proselitismo fascista”

Bari, sede di CasaPund resta chiusa. Il Riesame: “Proselitismo fascista”

casapound
Tempo di lettura stimato: 1 minuto

“Appaiono connotati dall’evocazione dell’ideologia fascista” i fatti del 21 settembre 2018, quando a Bari militanti di CasaPound aggredirono un gruppo di manifestanti antifascisti che tornava dal corteo ‘Mai con Salvini’. Lo scrivono i giudici del Tribunale del Riesame nelle motivazioni del provvedimento con cui il 24 gennaio scorso hanno rigettato la richiesta di dissequestro della sede di CasaPound, nel quartiere Libertà. Sede che fu sequestrata l’11 dicembre 2018. 

“Il ricorso a una strategia violenta di repressione di appartenenti a gruppi portatori di una diversa ideologia, – scrivono i giudici – richiama indubbiamente il metodo fascista o meglio il suo metodo di lotta”. “I comportamenti censurati – si legge ancora nel provvedimento – hanno determinato un pericolo concreto e attuale di riproposizione di quel partito, evocando un modus operandi tipico del movimento fascista”. 

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui