Home Cronaca Bari, minacciò avvocato di controparte per evitare il sequestro: 50enne a processo

Bari, minacciò avvocato di controparte per evitare il sequestro: 50enne a processo

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Il gup del Tribunale di Bari Rosa Anna Depalo ha rinviato a giudizio il 50enne di Bitonto Domenico Lisi, accusato di tentata estorsione a un avvocato barese. Stando alle indagini della Procura di Bari, l’uomo avrebbe tentato di costringere il legale, minacciandolo, a rinunciare all’esecuzione di un sequestro conservativo disposto dalla Corte di Appello di Bari, nell’ambito di un procedimento civile per risarcimento danni nel quale l’avvocato difendeva una famiglia controparte di Lisi.

I fatti risalgono al 4 ottobre 2018. Lisi, in concorso con due donne, che nelle telefonate minatorie si qualificavano come moglie e figlia, avrebbe intimato al professionista di non eseguire il sequestro, del valore complessivo di circa 300 mila euro e relativo alla restituzione di alcuni immobili a Giovinazzo. “Abbiamo già tutto pronto – gli avrebbero detto – quindi le diamo otto giorni di tempo da ora”.

All’avvocato sarebbe anche arrivata indirettamente la minaccia di dar fuoco al suo studio. Il processo inizierà il prossimo 2 aprile dinanzi al Tribunale di Bari. La vittima, costituta parte civile, è difesa dall’avvocato Gaetano Sassanelli. L’imputato è detenuto agli arresti domiciliari dal 29 ottobre scorso.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui