Home Apertura Arbitro 19enne aggredito a Bari, parlano i genitori del baby calciatore squalificato:...

Arbitro 19enne aggredito a Bari, parlano i genitori del baby calciatore squalificato: “Nostro figlio non c’entra”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Archiviata la fredda cronaca dei fatti e preso atto delle decisioni del giudice sportivo, la parola passa alla difesa. Nello specifico, ai genitori di Domenico De Rasmo: baby calciatore classe 2002 della Virtus Palese squalificato fino al 31 marzo 2020 perché, stando a quanto riportato proprio dal giudice sportivo, al termine della gara disputata il 9 marzo scorso contro la Levante 2008, “correva verso il Direttore di Gara e lo colpiva al petto con forza, con le mani, facendolo indietreggiare di un paio di metri”.

“Siamo rammaricati per l’incresciosa aggressione ai danni del giovane arbitro avvenuta alla fine della partita – dicono i genitori del ragazzo tramite l’avvocato Paolo Ranieri -, ma escludiamo categoricamente ogni responsabilità a carico di nostro figlio”.

Il motivo è presto detto. “Come annotato dallo stesso arbitro – spiegano i genitori -, a circa 8-9 minuti dalla fine del match nostro figlio usciva di campo per infortunio e cedeva la fascia di capitano. Durante l’invasione si trovava in spogliatoio dopo le cure mediche alla coscia sinistra. Ogni decisione della giustizia sportiva, quindi, sarà opportunamente valutata in relazione a quanto descritto”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

2 Commenti

  1. Incomincia a rompersi il muro d’ipocrisia.
    Come mai i cancelli erano aperti e gli aggressori hanno raggiunto l’arbitro senza difficoltà? Chi ha designato questo arbitro incapace (un rigore inesistente ed un goal in netto fuorigioco)?
    La violenza è sempre da condannare, la reazione è stata spropositata ma gli errori sono stati grossolani (ammessi anche da sostenitori dei vincitori).
    Figlio mio, cambia hobby, fare l’arbitro non è per Te.
    Complimenti a Telebari, che dà voce a tutti.

  2. … aggiungerei al commento precedente … di chi è la responsabilità della scelta di una struttura non idonea .come il campo di japigia … senza tribune e con luce insufficiente. Come mai non c’era nessuna vigilanza pur in presenza di centinaia di persone. Auguri all’arbitro che non meritava certo di essere aggredito .. chi ha fatto questo si deve vergognare … ma l’altra sera la sua prestazione tecnica come arbitro in campo è stata totalmente negativa.

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui