Home Cronaca Arbitro aggredito, il Tribunale dei Minori: “È un’estensione del concetto di bullismo”

Arbitro aggredito, il Tribunale dei Minori: “È un’estensione del concetto di bullismo”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

L’episodio di aggressione a un arbitro avvenuta sabato scorso a Bari da parte di tre calciatori minorenni “è una estensione di un concetto di bullismo, di violenza, in ambito sportivo”, in una “società che nel suo complesso è diventata più violenta e ciò che preoccupa è il non rispetto dell’autorità e delle regole”.

Lo ha detto il presidente del Tribunale per i minorenni di Bari, Riccardo Greco, rispondendo all’Ansa sulla vicenda dell’arbitro 19enne aggredito da un gruppo di calciatori della Virtus Palese e da alcuni adulti alla fine di una partita. La giustizia sportiva ha già deciso l’esclusione della squadra per un anno da ogni campionato e la squalifica fino a 5 anni di tre baby-calciatori presumibilmente coinvolti. La giustizia penale è alle prime battute. 

Per il presidente Greco, “i modelli che vengono prospettati dai media sono modelli che hanno un contenuto di violenza. Quindi l’idea di una sopraffazione dell’uno sull’altro ha trovato un suo spazio. I fenomeni del bullismo scolastico sono sicuramente più evidenti – ha detto il magistrato – Quello che preoccupa è che, almeno da quanto risulta dalla denuncia, c’è stata una contrarietà a una regola impartita dall’arbitro. Ecco, questo approccio è preoccupante, il non rispetto dell’autorità costituita, il non rispetto della regola, come principio possibile”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui