Home Cronaca Operazione ‘Oro Nero’ al Porto di Bari, sequestrate 260 tonnellate di gasolio:...

Operazione ‘Oro Nero’ al Porto di Bari, sequestrate 260 tonnellate di gasolio: cinque denunce – VIDEO

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

I finanzieri di Bari, in tre distinte attività di servizio, hanno sequestrato al Porto oltre 260 tonnellate di gasolio. L’operazione ha permesso di smascherare l’attività di treni merci che, settimanalmente, arrivavano in città senza alcuna documentazione a supporto che comprovasse il pagamento dell’iva e delle accise gravanti sui prodotti energetici, bensì con documentazione non idonea che classificava la merce come olio vegetale, vernici o prodotti similari.

Nel corso delle tre distinte operazioni sono state sequestrate undici cisterne, due autoarticolati utilizzati per compiere l’illecito trasporto su strada e denunciate in stato di libertà cinque persone residenti nelle aree del sud barese e del casertano. Il prodotto sequestrato è quantificabile in oltre 300mila litri, con una imposta evasa quantificabile in alcune centinaia di migliaia di euro. Sono in corso ulteriori indagini, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Bari, per risalire alla filiera commerciale a monte e a valle dei sequestri operati.

“Un’operazione importante non solo dal punto di vista fiscale – si legge in una nota della Guardia di Finanza -, ma anche per la modalità con cui veniva messo in atto il traffico illecito. Le cisterne sequestrate, infatti, venivano fatte viaggiare su rotaia senza alcuna dichiarazione alle Ferrovie circa il materiale infiammabile e pericoloso in esse contenuto. Con la conseguenza che questo viaggiava senza precauzioni lungo i tratti ferroviari e stradali con conseguente rischio per l’incolumità dei pubblici trasporti”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui