Home Cronaca Magistrati arrestati, Savasta chiede gli arresti domiciliari: “Comportamento collaborativo”

Magistrati arrestati, Savasta chiede gli arresti domiciliari: “Comportamento collaborativo”

carcere lecce
Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Ha chiesto di lasciare il carcere e di ottenere gli arresti domiciliari l’ex pm tranese Antonio Savasta, arrestato il 14 gennaio scorso dalla magistratura salentina assieme all’ex gip di Trani Michele Nardi.

La richiesta è stata depositata questa mattina presso la segreteria del gip di Lecce. Con Nardi e Savasta fu arrestato e portato in carcere anche l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e falso commessi tra il 2014 e il 2018.

Tra le motivazioni della richiesta di attenuazione della misura cautelare, il comportamento collaborativo con i pubblici ministeri avuto da Savasta e le sue dimissioni dalla magistratura. Martedì scorso Savasta è stato interrogato per la terza volta dal pm inquirente, Roberta Licci, alla quale ha consegnato un piccolo memoriale difensivo. Il gip dovrebbe esprimersi sulla richiesta nei primi giorni della prossima settimana, dopo aver ottenuto il parere della Procura.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui