Home Cronaca Emergenza neve in Puglia, mezzi militari usati per trasporto dializzati. Denuncia dei...

Emergenza neve in Puglia, mezzi militari usati per trasporto dializzati. Denuncia dei Vigili del Fuoco: “Nostri veicoli inadeguati”

Sono scesi in campo anche i mezzi di Esercito e Aeronautica. Rappresentanti sindacali della FNS Cisl di Bari denunciano invece inadeguatezza dei loro veicoli.

{loadposition debug}

Personale e mezzi dell’Esercito e dell’Aeronautica militare sono impegnati, su richiesta della Prefettura di Bari, nelle zone della provincia più colpite dal maltempo per interventi di trasporto di malati che necessitano di dialisi.

In particolare, due mezzi militari sono stati inviati a Santeramo in Colle per consentire a sette persone di raggiungere l’ospedale Miulli di Acquaviva dove devono sottoporsi ad interventi di dialisi.

Arriva invece dai rappresentanti sindacali della FNS Cisl Provinciale di Bari una grave denuncia relativa all’inadeguatezza dei mezzi in dotazione ai Vigili del Fuoco del territorio. “Una storia paradossale con un pizzico di grottesco – si legge nella nota diffusa dal sindacato – è quella capitata alla squadra dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Altamura rimasta bloccata per ore a causa del malfunzionamento del sistema di riscaldamento interno del mezzo”.

Il sindacato richiama l’attenzione sullo stato degli automezzi in dotazione “obsoleti, inadeguati e ormai in uso da 30 anni. Molto tempo fa – spiega un rappresentante della Fns Cisl –, avevamo evidenziato e denunciato la grave situazione dei mezzi in cui versava il comando Vigili del Fuoco di Bari. Purtroppo la condizione è peggiorata specialmente dopo vani tentativi di rimettere in sesto le auto danneggiate con riparazioni su riparazioni. Questo episodio è solo uno dei tanti. Ogni giorno dobbiamo fare i conti con la mancanza di mezzi per il soccorso e con l’utilizzo di mezzi di fortuna che non rispettano i parametri minimi di sicurezza mettendo a rischio anche i soccorritori”.

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo