Home Cronaca Bancarotta Gruppo De Gennaro, quattro indagati: “Mancati pagamenti tributi per 20 mln”

Bancarotta Gruppo De Gennaro, quattro indagati: “Mancati pagamenti tributi per 20 mln”

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La Procura di Bari ha chiuso le indagini preliminari nei confronti di quattro persone, tra le quali il costruttore barese Daniele Giulio De Gennaro, accusate in concorso tra loro della bancarotta fraudolenta della società Dge Holding srl, dichiarata fallita nel luglio 2015. Oltre De Gennaro, amministratore della società fino al 2012, sono indagati Gualtiero Traversa, Vincenzo De Caprio e Giovanni Ronco, membri del cda dal 2012 al 2015.

Dal 2007 al 2012 De Gennaro, nella sua qualità di amministratore unico, avrebbe omesso il pagamento di tributi per circa 20 milioni di euro, accumulando negli anni debiti con il fisco, con interessi e sanzioni, per oltre 52 milioni complessivi, che è stata “se non l’unica – si legge negli atti – sicuramente la principale causa del dissesto”.

Secondo l’accusa le risorse finanziarie della società sarebbero state “sistematicamente dirottate per finanziare o pagare debiti di altre società correlate, ma mai per adempiere ai doveri fiscali”. Stando alle indagini coordinate dal pm Giuseppe Dentamaro, De Gennaro avrebbe infatti distratto e dissipato denaro per circa 10 milioni di euro effettuando quasi 2 milioni di euro finanziamenti nei confronti di 15 società controllate, acquistando crediti per circa 3 milioni “del tutto inesigibili” ed eseguendo pagamenti per favorire alcuni creditori a danno di altri (oltre 5 milioni di euro).

A Traversa e De Caprio è contestata l’ulteriore dissipazione di risorse per più di 4 milioni di euro per aver acquistato la partecipazione al 70% di una società “che in realtà – si legge nell’imputazione – aveva un valore nullo o irrisorio”. A questi due e a Ronco è infine contestato di non aver provveduto alla ricapitalizzazione, aggravando la situazione debitoria. Solo pochi giorni fa Daniele Giulio De Gennaro è stato destinatario di un sequestro preventivo milionario di beni disposto dalla magistratura tarantina per la presunta bancarotta fraudolenta di un’altra società del Gruppo, la MF Trading, fallita nel 2011.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui