/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, omicidio Sifanno al San Paolo: arrestati dopo tre anni i sei presunti responsabili - I NOMI

Bari, omicidio Sifanno al San Paolo: arrestati dopo tre anni i sei presunti responsabili - I NOMI

L'assassinio avvenne il 15 febbraio del 2014, con la presunta aggravante mafiosa

Nelle prime ore di stamane, a Bari, la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 6 soggetti, di cui uno collaboratore di giustizia, ritenuti responsabili, a vario titolo, del tentato e del successivo omicidio di Donato Sifanno, avvenuto il 15 febbraio 2014, nel quartiere San Paolo di Bari, aggravato dalla circostanza di cui all’art. 7 della legge 203/91, nonché dei reati di porto e detenzione di armi da sparo, furto e rapina.

Il provvedimento cautelare è stato eseguito nei confronti di:

Misceo Maria cl.’79, agli arresti domiciliari;

Pace Francesco cl.’84, già detenuto;

Micelli Domenico cl.’74, già detenuto;

Fasano Michele cl.’86, già detenuto;

De Lauro Giuseppe cl.’91, già detenuto.

Le indagini condotte dalla Squadra Mobile supportate da attività tecniche e dalle dichiarazione di un collaboratore di giustizia, hanno consentito di raccogliere elementi di responsabilità nei confronti degli arrestati che, in occasione degli agguati armati del 22 e 29 novembre e del 2 e 12 dicembre 2013, e successivamente dell’omicidio dello stesso Sifanno, hanno fornito supporto logistico, controllato e segnalato i movimenti della vittima, procurato e conservato le armi tra cui quella utilizzata per il grave fatto di sangue.

L’esecuzione della misura cautelare rappresenta il seguito dell’operazione portata a termine il 17 febbraio dello scorso anno, nei confronti degli esecutori materiali e del mandante del grave fatto di sangue tra i quali Misceo Giuseppe cl.’64, Telegrafo Arcangelo cl.’92, Mastrogiacomo Francesco cl.’90 e Abbrescia Nicola cl.’84.

L’omicidio di Sifanno, appartenente al clan “Mercante”, contrapposto nella gestione e nel controllo delle attività illecite ai gruppi criminali “Misceo” e “Telegrafo”, venne deciso in una riunione presso l’abitazione di Misceo Giuseppe anche a seguito dell’esplosione di colpi d’arma da fuoco, esplosi dalla vittima, contro l’abitazione dello stesso Misceo.

Seguici su Facebook!

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.