Home Cronaca Crac Fse, sequestrati 25 milioni di crediti: Procura chiede l’arresto di Fiorillo

Crac Fse, sequestrati 25 milioni di crediti: Procura chiede l’arresto di Fiorillo

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Il Tribunale di Bari ha disposto il sequestro preventivo di crediti per 25 milioni di euro vantati da 5 persone e 8 società in relazione alla procedura concorsuale per le Ferrovie del Sud Est. I destinatari del sequestro sono alcuni imputati nel processo sul crac da 230 milioni di euro di Fse, poi acquistate da FS, tra i quali l’ex presunto amministratore occulto e avvocato della società, Angelo Schiano.

La richiesta di sequestro era stata inizialmente rigettata dal Gip perché nel gennaio 2018 erano utilità non percepite ma solo attese ed erano crediti non certi perché il concordato non era ancora stato approvato. Con l’approvazione del concordato, nei mesi scorsi, quei crediti sono diventati “liquidi, certi ed esigibili perché prossimi i pagamenti (dal 30 giugno 2019 i privilegiati, dal 31 dicembre 2021 i chirografari, ndr)”, spiega il Tribunale dinanzi al quale si sta celebrando il processo per bancarotta. Intanto la Procura torna a chiedere l’arresto del principale imputato, il manager Luigi Fiorillo.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui