Home Cronaca Pesce scaduto sequestrato, le scuse da Grotta Palazzese: “È stato un errore”

Pesce scaduto sequestrato, le scuse da Grotta Palazzese: “È stato un errore”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Lo chef e il vicedirettore del ristorante Grotta Palazzese di Polignano a Mare, Felice e Riccardo Sgarra, “si scusano” dopo il sequestro, da parte della Guardia costiera, di 68 chili di pesce, crostacei, carne e pasta congelata privi di tracciabilità e di circa 8 chili di controfiletto ‘wagyu’ (bovino giapponese) il cui termine per la somministrazione era scaduto in maggio.

E si assumono la “responsabilità” (le “materie prime” erano affidate a loro), affermando che “la proprietà e l’amministratore sono assolutamente estranei”. Parlano di “errore”, spiegando che la carne trovata in “cella frigo (-18 gradi) era stata regolarmente sottoposta ad abbattimento (non congelamento) prima della data di scadenza”: il processo ne “garantisce la conservazione e la salubrità”, ed era esclusa dai “menu estivi”, dunque “non destinata ai clienti”.

Il pesce era “in una cella frigo (-18) diversa da quella in cui erano gli altri prodotti ittici con etichetta di tracciabilità. Il Grotta Palazzese è un hotel ristorante a cinque stelle. Nell’ambito del sequestro di alimenti, gli è stata comminata una multa di 5.500 euro. La Guardia costiera di Bari era intervenuta anche in un secondo ristorante, in località Cala Paura, trovando in un deposito sotterraneo 95 kg di pesce congelato di provenienza sconosciuta. Qui la sanzione elevata è stata di 1.500 euro.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui