/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, morì dopo fecondazione assistita: a rischio processo ginecologo e primario del centro di Conversano

Bari, morì dopo fecondazione assistita: a rischio processo ginecologo e primario del centro di Conversano

Secondo la magistratura i medici avrebbero "omesso di disporre la necessaria valutazione cardiologica prima dell'intervento"

Con la costituzione delle parti e la citazione dell'Asl di Bari come responsabile civile, è cominciata dinanzi al gup del Tribunale di Bari Francesco Pellecchia l'udienza preliminare per il rinvio a giudizio dei due medici imputati per la morte della 38enne di Bitritto Arianna Acrivoulis durante un intervento di fecondazione assistita. Rischiano il processo per omicidio colposo Giuseppe D'Amato, ginecologo e direttore del Centro di Fecondazione di Assistita di Conversano, e Cosimo Orlando, primario di Anestesiologia della stessa clinica.

Stando alle indagini della magistratura barese, coordinate dai pm Luciana Silvestris e Grazia Errede e basate sulla documentazione clinica acquisita e sulla consulenza medico-legale, i due medici avrebbero "omesso di disporre la necessaria valutazione cardiologica prima dell'esecuzione dell'intervento", pur sapendo di trovarsi di fronte a una donna affetta da obesità e diabete e con lieve insufficienza cardiaca.

Avrebbero poi omesso di sospendere la procedura nonostante i sintomi sopravvenuti, e, anzi, avrebbero continuato somministrando ulteriore anestesia fino al decesso della paziente "per aritmia cardiaca". I fatti contestati risalgono al 10 giugno 2015. Nell'udienza preliminare, che proseguirà il prossimo 27 aprile, si sono costituiti parte civile i familiari della vittima che hanno chiesta la citazione della Asl come responsabile civile.

 

Seguici su Facebook!

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.