Home Cronaca Incidenti stradali in Puglia, 2015 anno da dimenticare: in 12 mesi aumentati...

Incidenti stradali in Puglia, 2015 anno da dimenticare: in 12 mesi aumentati schianti e decessi. Non accadeva dal 2009

Presentato il rapporto annuale sull’incidentalità stradale. Rispetto al 2014 si rileva un aumento sia nel numero degli incidenti che nel numero delle morti.

{loadposition debug}

Nel 2015 in Puglia si sono registrati 9.524 incidenti stradali con lesioni che hanno causato il decesso di 232 vittime ed il ferimento di 15.634 individui. Rispetto al 2014 si rileva un aumento dello 0,3% nel numero degli incidenti e dello 0.4% nel numero dei decessi. Un aumento rispetto all’anno precedente che non si registrava dal 2009.

Sono questi i dati emersi dal XI rapporto sull’incidentalità stradale presentato oggi in Regione dal commissario straordinario di Arem Roberto Venneri e dal ricercatore Pierpaolo Bonerba in occasione della giornata sulla sicurezza stradale.

Numeri tristemente impressionanti sciolinati alla presenza dell’assessore alla Mobilità, Giovanni Giannini, che tra le altre cose ha premiato i vincitori del progetto “La strada non è una giungla”. Un’iniziativa a cui hanno aderito 32 scuole e 2.500 studenti di tutta la Puglia.

“Con la collaborazione delle associazioni – ha detto l’assessore Giannini -, e questa mattina è presente Ciao Vinny, abbiamo ribadito un impegno all’interno delle scuole, perché si contribuisca a costruire una nuova cultura della sicurezza stradale, valorizzando il concetto che la vita è un bene irrinunciabile e che quando si guida in stato di ebbrezza, o sotto l’effetto di sostanze dopanti, o in condizioni fisiche non idonee, si mette a rischio non solo la propria esistenza, ma anche l’esistenza degli altri”.

“Stiamo cercando – ha aggiunto – tramite il fondo di sviluppo e coesione e il patto per la Puglia di intervenire sulla viabilità, per costruire nuove infrastrutture ai fini di sicurezza stradale. Oggi chiudiamo un progetto dell’anno scorso che abbiamo di ripetere e ampliare in collaborazione con i dirigenti scolastici per formare i giovani”.

Nelle foto le slide più significative del rapporto presentato questa mattina.

[bt_slider uid=”1481547089-584e9d51b8755″ target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/incidenti stat.jpg” title=”incidenti stat.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/incidenti3.jpg” title=”incidenti3.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/incidenti4.jpg” title=”incidenti4.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/incident1.jpg” title=”incident1.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/incidenti2.jpg” title=”incidenti2.jpg” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo