"Dammi i soldi o ti taglio la gola", violenta e deruba 27enne in ufficio: arrestato a Bari Cosimo Damiano Panza

"Dammi i soldi o ti taglio la gola", violenta e deruba 27enne in ufficio: arrestato a Bari Cosimo Damiano Panza

L'uomo, detenuto nel carcere di Lecce per rapina e violenza sessuale, era in permesso premio a Bari

Derubò e violentò la dipendente di un'associazione con sede nel centro di Bari, minacciandola con un coltellino. I Carabinieri hanno arrestato il pregiudicato barese 53enne Cosimo Damiano Panza. I fatti contestati risalgono allo scorso 6 ottobre. L'uomo, detenuto nel carcere di Lecce con precedenti penali specifici per rapina e violenza sessuale, era in permesso premio proprio in quei giorni.

Stando alla denuncia della vittima e alle successive indagini dei militari, il 53enne si sarebbe introdotto in pieno giorno nell'ufficio con una scusa e avrebbe poi estratto dalla tasca un coltellino a serramanico minacciando la vittima, una 27enne che in quel momento si trovava sola. "Dammi i soldi o ti taglio tutta" le avrebbe detto, facendosi così consegnare 15 euro che la donna aveva in borsa e rubando altri 350 euro da una borsa che era stata lasciata in ufficio da un'altra dipendente che era in pausa pranzo.

L'uomo avrebbe poi costretto l'impiegata a seguirlo in bagno abusando di lei e dicendole "se mi denunci ti faccio passare i guai". La vittima avrebbe però reagito riuscendo a spingerlo contro il muro e a fuggire dall'edificio, per poi rifugiarsi in un bar lì vicino e chiedere aiuto. Decisive per l'identificazione del Panza, oltre alla descrizione fornita dalla vittima, le immagini delle telecamere di videosorveglianza, una del circuito cittadino e altre due private. Il pregiudicato dovrà ora rispondere ai reati di violenza sessuale, rapina aggravata, sequestro di persona e furto. 

Seguici su Facebook!

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.