/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, hacker contro il referendum: Polizia denuncia attivista di Anonymous

Bari, hacker contro il referendum: Polizia denuncia attivista di Anonymous

Conosciuto con il nome di "candyman.sh", si tratta di un 41enne residente in provincia di Bari

Si è conclusa in nottata un'operazione della Polizia di Stato contro una cellula criminale al vertice dell'attuale panorama hacktivista italiano. Sono stati denunciati in stato di libertà per i reati di accesso abusivo e danneggiamento a sistemi informatici due noti hacker gravitanti da anni nell'area dell'hacktivismo italiano che, in vista delle consultazioni referendarie del prossimo 4 dicembre, avevano pensato di interferire pesantemente attraverso il lancio, il 26 ottobre scorso, della campagna denominata #OPS_ItalyBeDemocratic come forma di cyberprotesta verso il Governo italiano, accusato di voler minare le basi della democrazia nel nostro Paese.

I due denunciati sono un 43enne residente a Brescia, titolare di una ditta nel settore del commercio all'ingrosso di materiale informatico e un 41enne residente nella provincia di Bari, quest'ultimo conosciuto come "candyman.sh", esperti nel settore informatico e con precedenti di polizia, appartengono entrambi alla crew hacker "Candyshophkteam" aderente al noto movimento hacktivista Anonymous.

Seguici su Facebook!

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.