Home Apertura Rapine e furti in masserie, CIA Levante: “Nella Murgia barese è emergenza....

Rapine e furti in masserie, CIA Levante: “Nella Murgia barese è emergenza. Chiesto nuovo incontro al Prefetto di Bari”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

“I furti nelle masserie e le rapine, nelle contrade dei comuni della Murgia barese e del comune di Altamura in particolare, si stanno intensificando in maniera assai consistente e preoccupante”. A lanciare l’allarme è il presidente provinciale CIA Levante, Felice Ardito, che esprime preoccupazione per l’escalation di episodi criminali registrati in provincia di Bari.

“Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto continue segnalazioni di agricoltori che, nottetempo, sono stati derubati di mezzi tecnici di produzione, macchine ed attrezzature, e siamo stati informati di rapine subite da parte di persone anziane, residenti nelle campagne, mentre erano intente nelle loro faccende domestiche”, prosegue Ardito, che ha scritto nuovamente al Prefetto, Marilisa Magno, per evidenziare i dati del fenomeno, avvalorati dalle numerose segnalazioni raccolte, e sollecitare, nell’ambito delle attività di coordinamento delle forze di polizia, un rafforzamento dei controlli.

“Nelle campagne è emergenza sicurezza. Abbiamo chiesto, ancora una volta, maggiore attenzione e il potenziamento del presidio delle zone rurali – aggiunge Felice Ardito – La situazione è critica e peggiora ogni giorno di più in tutta la provincia. Nella nota inoltrata all’Ufficio Territoriale del Governo sollecitiamo un incontro anche per affrontare gli altri temi che attengono alle difficoltà delle imprese agricole a fare reddito, a cominciare dalla concorrenza sleale che subiscono a causa delle produzioni importate con costi molto più bassi. Prodotti che arrivano sulle nostre tavole e che non rispettano la dignità del lavoro delle persone, che invece le imprese agricole del nostro territorio si impegnano a rispettare anche in presenza di norme asfissianti o addirittura inapplicabili”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui