Home Cronaca Maltrattamenti, docce fredde e sedativi in comunità per minori nel Barese: indagati...

Maltrattamenti, docce fredde e sedativi in comunità per minori nel Barese: indagati educatore e direttrice della struttura

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Docce fredde, botte, alimenti e medicinali scaduti, e sedativi per tranquillizzarli: è questo il trattamento che avrebbero subito, dal 2016 al 2019, alcuni minorenni ospiti di una comunità educativa nella provincia di Bari, cui vengono affidati ragazzini provenienti da contesti difficili. Sui presunti maltrattamenti, documentati dalla Guardia di finanza anche sulla base di testimonianze di quattro minori individuati come parti offese, indaga la Procura di Bari. La notizia è riportata dal quotidiano La Repubblica.

Nell’articolo si precisa che il sostituto procuratore Marcello Quercia contesta il reato di maltrattamento a Chiara Castelletti, 50enne che era direttrice e rappresentante legale della cooperativa, e a Michele Iaccarini, 29enne che era educatore nella struttura.

Secondo quanto riportato nell’articolo, a Iaccarini verrebbe contestato un episodio specifico di presunte violenze nei confronti di un ragazzino che sarebbe stato schiaffeggiato e strattonato, e al quale sarebbe stato versato in testa il cibo che aveva rifiutato. Castelletti, invece, dovrà anche rispondere del reati di truffa ai danni di diversi Comuni della provincia di Bari.

Secondo quanto riferisce il giornale, dalle indagini si evince che i disobbedienti venivano segregati per giorni nelle loro stanze, erano obbligati ad andare a letto senza cena, a fare docce fredde, a lavare il pavimento e a raccogliere le uova delle galline allevate nella struttura insieme con i conigli.

I ragazzi, riferisce La Repubblica, eliminavano anche gli escrementi degli animali e le loro carcasse. Dalle indagini sarebbe emerso anche che agli ospiti più turbolenti sono stati somministrati medicinali quali En, Risperdal o Depkain “in dosi prolungate nel tempo, al fine di tranquillizzarli”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

1 commento

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui