Home Cronaca Bari, pagavano dipendenti 2 euro e 20 all’ora: denunciati ‘caporali’ cinesi di...

Bari, pagavano dipendenti 2 euro e 20 all’ora: denunciati ‘caporali’ cinesi di impresa spedizioni

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Un 55enne di nazionalità cinese e suo figlio 27enne, titolari di un’impresa di import/export a Modugno, sono stati deferiti in stato di libertà dai Carabinieri con l’accusa di sfruttamento del lavoro e mancata valutazione delle condizioni di salute in relazione all’impiego. Inoltre la denuncia riguarda anche la presunta violazione delle disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare, il divieto di assunzione di lavoratori privi di permesso di soggiorno e il divieto di uso di impianti audiovisivi per il controllo dei lavoratori.

Il controllo, avvenuto in un capannone nella Zona Industriale di Modugno, ha consentito di rilevare un viavai di operai di origine africana e asiatica, a bordo di biciclette o anche a piedi, che raggiungevano il luogo di lavoro per abbandonarlo solo in tarda sera. Nella sede sono stati così scoperti 7 operai, 4 africani e 3 cinesi, dei quali 2 irregolari sul territorio nazionale.

Tutti i lavoratori erano occupati in condizioni di sfruttamento in quanto lavoravano 10 ore al giorno, con paga oraria di 2 euro e 20 all’ora. Gli operai, bisognosi di lavorare per mantenere le famiglie nei paesi di origine, accettavano le condizioni di sfruttamento. Al titolare dell’azienda sono state elevate sanzioni per quasi 41mila euro.

 

 

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui