Home Cronaca Puglia, tentata concussione: arrestato il consigliere regionale Napoleone Cera. In manette anche...

Puglia, tentata concussione: arrestato il consigliere regionale Napoleone Cera. In manette anche il padre Angelo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

La Guardia di Finanza ha arrestato, ponendoli ai domiciliari, l’ex parlamentare dell’Udc Angelo Cera di 67 anni e il figlio Napoleone, di 39 anni, consigliere regionale pugliese dei Popolari. L’accusa è tentata concussione. Napoleone Cera è indagato insieme al governatore Michele Emiliano e l’assessore regionale al Welfare Salvato Ruggeri nell’inchiesta legata alla nomina del Commissario dell’Azienda per i Servizi alla Persona “Castriota e Corropoli” di Chieuti, in provincia di Foggia.

Sarebbero tre gli episodi contestati ad Angelo e Napoleone Cera. Il primo episodio riguarda un tentativo di concussione ai danni di alcuni dirigenti del Consorzio di Bonifica per la Capitanata finalizzati all’assunzione di alcune persone. Il secondo riguarderebbe un episodio di corruzione finalizzata a sospendere l’affidamento alla Sanitaservice della gestione del Cup. Il terzo, infine, sarebbe un episodio di corruzione per favorire la nomina, quale commissario dell’Asp, di una persona indicata dai due Cera. In cambio padre e figlio avrebbero appoggiato Francesco Miglio, candidato sindaco a San Severo alle elezioni comunali.

A seguito della notizia, come misura cautelativa prevista dal codice etico del partito, l’Udc ha deciso di sospendere i due dirigenti, esprimendo fiducia nella magistratura e auspicando che venga fatta al più presto chiarezza, “assolutamente convinti – si legge in una nota – che Angelo e Napoleone presto sapranno dimostrare la loro totale estraneità rispetto ai fatti contestati”

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui