Home Cronaca Omicidio Sifanno: confermata condanna a 16 anni per Maria Misceo, nipote del...

Omicidio Sifanno: confermata condanna a 16 anni per Maria Misceo, nipote del boss Giuseppe

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

La Corte di Assise di Appello di Bari ha confermato la condanna a 16 anni di reclusione per Maria Misceo, nipote del boss Giuseppe, detto ‘il fantasma’, imputata per l’omicidio di Donato Sifanno, ucciso a colpi di kalashnikov il 15 febbraio 2014 al quartiere San Paolo di Bari. Con la stessa sentenza, i giudici hanno inoltre ridotto da 10 a 7 anni la condanna nei confronti di Domenico Mercurio (collaboratore di giustizia), da 9 a 1 anno quella per Michele Fasano e hanno assolto “per non aver commesso il fatto” Giuseppe De Lauro (condannato in primo grado a 10 anni di reclusione), che è subito tornato in libertà.

Questo processo, celebrato con il rito abbreviato, costituisce uno dei tre procedimenti aperti sul delitto dalla Dda di Bari e riguarda coloro che erano accusati di aver fornito supporto logistico, controllato e segnalato i movimenti della vittima, procurato e conservato le armi tra cui quella utilizzata per compiere l’agguato mafioso. Nei mesi scorsi sono stati condannati in primo grado i presunti esecutori materiali dell’omicidio, Francesco Pace e Domenico Miceli, rispettivamente a 19 e a 20 anni di reclusione.

Sono invece diventate definitive le condanne nei confronti del mandante del delitto, il boss Giuseppe Misceo e di un altro degli esecutori materiali, il pluripregiudicato Arcangelo Telegrafo (entrambi a 30 anni di reclusione). Stando alle indagini della Polizia, coordinate dal procuratore aggiunto Roberto Rossi, Sifanno, nipote del boss Giuseppe Mercante e già sfuggito a due precedenti agguati, fu raggiunto da 18 colpi di kalashnikov mentre era a bordo della sua auto. Movente dell’omicidio sarebbero stati contrasti interni alla criminalità organizzata per il predominio del clan Misceo nel quartiere.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui