Home Cronaca Andria, scacco alla banda dei ladri di olive

Andria, scacco alla banda dei ladri di olive

Arrestati dai carabineiri 5 rumeni. Recuperati oltre 5 quintali di olive.

{loadposition debug}
Inseguimento rocambolesco nelle campagne di Andria, tra una gazzella dei carabinieri e una BMW sospetta sulla quale viaggiavano 5 persone. La caccia finisce in un’area rurale, alla periferia de lCcomune, dove gli occupanti della BMW cercano di sfuggire, invano,  allla cattura. In manette finiscono 5 giovani, di nazionalità rumena. Avevano appena messo a segno un grosso furto di olive. 5 quintali, il quantitativo recuperto dai militari e restituiti al proprietario. 

Durante l’inseguimento, nel quale l’auto dei malvinenti ha speronato la gazzella dei carabinieri, facendola finire fuori strada, i due militari sono rimasti feriti.

Gli arrestati ,tutti incensurati, dovranno rispondere di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e furto aggravato. 

 

 

 

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy
Articolo precedenteFc Bari – Trapani 3 – 0, Stellone: “Contavano solo i tre punti”
Articolo successivoMola di Bari: sequestrati rifiuti speciali
Cristina Ferrigni
Cristina Ferrigni, nata a Bari nel 1973, è giornalista professionista, redattrice per l’emittente tv “TELEBARI”, diretta da Maddalena Mazzitelli. Assegnata alla sezione "cronaca", ha realizzato servizi e inchieste sul crimine organizzato. Attualmente è impegnata anche nella conduzione dei Tg. E' stata impegnata all’estero, come Embedded nelle aree di crisi. Nel 2011 ha realizzato un reportage in Kosovo, al seguito dal Reggimento Artiglieria Terrestre “Trieste” di Foggia. Laureata in Lettere moderne, ha frequentato, presso l’Ordine dei Giornalisti della Puglia i corsi di “Cronaca Giudiziaria” e “Giornalismo e comunicazione in aree di crisi” (in collaborazione con lo Stato Maggiore della Difesa). Dal 2013 collabora con il web magazine su Difesa, Comunicazione e Cultura "DeArmas", diretto da G. Ranaldo.

Dì la tua! Commenta l'articolo