Home Cronaca Bari, saluto romano durante Istraele-Italia: indagati tre ultrà del Bari

Bari, saluto romano durante Istraele-Italia: indagati tre ultrà del Bari

 Perquisite anche le abitazioni dei tifosi: i poliziotti hanno sequestrato un manganello, una mazza da baseball e materiale con messaggi riconducibili alla ideologia nazi- fascista

{loadposition debug}
Sono ultrà baresi i tre tifosi che con il saluto fascista, poco prima dell’inizio della partita Israele- Italia per le qualificazione dei mondiali il 5 settembre scorso, ad Haifa, indignarono l’Europa intera. Un saluto provocatorio che ha fatto incassare l’ennesima figuraccia alla Nazionale italiana del calcio. Il gesto non è passato inosservato alla polizia. La Digos ha notificato ai tre tifosi baresi l’avviso di garanzia per “manifestazione di razzismo negli stadi”. I responsabili, di cui sono state fornite soltanto le iniziali (P.G., T.F, D.B.N),di età compresa tra i 23 e i 25 anni, un tempo facevano parte del direttorio della Curva Nord del San Nicola. Perquisite anche le case dei tifosi, dove i poliziotti hanno sequestrato un manganello, una mazza da baseball , materiale con messaggi riconducibili alla ideologia nazi- fascista. Trovato anche il biglietto di ingresso allo stadio di Haifa, come prova di colpevolezza. Due dei tre ultras erano già sottoposti al Daspo. Il questore di Bari, Carmine Esposito, ha esteso il provvedimento anche al terzo indagato. L’indagine si è avvalsa della collaborazione della direzione centrale della polizia di prevenzione per i risvolti internazionali.

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy
Articolo precedenteBari, detenuto evade durante permesso premio: arrestato dai Carabinieri
Articolo successivoBari, la Fai Marathon per le “Strade della musica”
Cristina Ferrigni
Cristina Ferrigni, nata a Bari nel 1973, è giornalista professionista, redattrice per l’emittente tv “TELEBARI”, diretta da Maddalena Mazzitelli. Assegnata alla sezione "cronaca", ha realizzato servizi e inchieste sul crimine organizzato. Attualmente è impegnata anche nella conduzione dei Tg. E' stata impegnata all’estero, come Embedded nelle aree di crisi. Nel 2011 ha realizzato un reportage in Kosovo, al seguito dal Reggimento Artiglieria Terrestre “Trieste” di Foggia. Laureata in Lettere moderne, ha frequentato, presso l’Ordine dei Giornalisti della Puglia i corsi di “Cronaca Giudiziaria” e “Giornalismo e comunicazione in aree di crisi” (in collaborazione con lo Stato Maggiore della Difesa). Dal 2013 collabora con il web magazine su Difesa, Comunicazione e Cultura "DeArmas", diretto da G. Ranaldo.

Dì la tua! Commenta l'articolo