Home Cronaca Conversano, beni per 130mila euro confiscati a Nicola La Selva: l’uomo è...

Conversano, beni per 130mila euro confiscati a Nicola La Selva: l’uomo è ritenuto vicino al clan Campanale

Il patrimonio sarà riutilizzato per fini di rilevanza sociale. 

{loadposition debug}

I Finanzieri di Monopoli, nei giorni scorsi, hanno eseguito un provvedimento di confisca del patrimonio, per un valore stimato di circa 130mila euro, al pregiudicato Nicola La Selva, classe 1964, disposto dal Tribunale di Bari. La misura nasce da una proposta formulata nel 2011 dal Procuratore della Repubblica in seguito allei indagini operate dalle Fiamme Gialle.

In particolare, si tratta di un immobile residenziale e un’autovettura di grossa cilindrata, già sottoposti a sequestro nel 2012 – nella disponibilità del pregiudicato, considerato “socialmente pericoloso” nell’accezione del codice antimafia, ovvero per la sua spiccata propensione al crimine. Il pregiudicato conversanese, considerato vicino al clan “Campanale” del quartiere San Girolamo di Bari, già arrestato nel blitz del 2013 disposto dalla DDA di Bari che indagava sul nuovo gruppo malavitoso “emergente” interessato ad allargare il proprio predominio nella zona del sud-est barese, vanta numerosi e gravi precedenti penali e di polizia fin dal lontano 1983: rapina, evasione, associazione ai fini del traffico e dello spaccio di sostanze stupefacenti, lesioni personali, estorsione ed usura.

L’uomo è stato sottoposto in più occasioni alla misura di prevenzione della sorveglianza di P.S. con obbligo di soggiorno. Le indagini eseguite dalle Fiamme Gialle hanno permesso di verificare la netta sproporzione tra i beni nella disponibilità del pregiudicato e la sua capacità economica. Con questa attività di servizio il patrimonio confiscato entra definitivamente in possesso dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) e potrà essere riutilizzato per fini di rilevanza sociale.  

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo