Home Cronaca Bari, travolge con auto coppia di coniugi e fugge: arrestato 20enne

Bari, travolge con auto coppia di coniugi e fugge: arrestato 20enne

E’ accaduto a Bari domenica, in via Orazio Flacco. Grave la donna

Travolge una coppia di coniugi che tenta di attraversare la strada e fugge. Rintracciato in breve tempo viene però arrestato e finisce ai domiciliari. È accaduto domenica mattina a Bari, dove i Carabinieri della Stazione Picone, hanno arrestato un 20enne incensurato di Cassano delle Murge, con l’accusa di lesioni personali stradali gravi e fuga del conducente in caso di lesioni personali stradali. A seguito di una segnalazione giunta al 112 poco dopo mezzogiorno, una pattuglia è intervenuta in via Orazio Flacco. Sul posto, i militari hanno trovato un’ambulanza del 118 e una coppia di coniugi, 59anni lui e 52anni lei, che stavano ricevendo le cure del caso. Contestualmente hanno appreso che poco prima, il conducente di una Fiat Panda, nel percorrere a velocità sostenuta il tratto di strada che da viale Papa Giovanni XXIII conduce verso il Policlinico, ha investito la coppia di pedoni che in quel momento si accingeva ad attraversare la strada, facendoli sobbalzare per terra e, senza alcuna esitazione, ha tirato dritto verso il centro cittadino. Determinante è stato il numero di targa rilevato da uno dei testimoni presenti sul posto, che ha consentito ai carabinieri in breve tempo, grazie alla collaborazione del colleghi di Cassano delle Murge, di rintracciare il giovane pirata della strada in via Quintino Sella, dove aveva da poco parcheggiato la sua auto, subito sequestrata. Inevitabile, a questo punto, l’arresto per il conducente, che su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo. Quanto ai due feriti, sono stati entrambi ricoverati presso il Policlinico. A destare maggiore preoccupazione sono le condizioni della donna, che, tuttavia, non è in pericolo di vita.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo