/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Mafia in Puglia, relazione della Dia: clan su droga e armi. Giovani criminali disconoscono regole dei vecchi boss

Mafia in Puglia, relazione della Dia: clan su droga e armi. Giovani criminali disconoscono regole dei vecchi boss

"La criminalità pugliese, lungi dall'aver intrapreso un mutamento epocale" come invece hanno fatto le altre grandi organizzazioni criminali italiane, come Cosa Nostra e 'Ndrangheta, "continua a mantenersi fortemente ancorata alle classiche attività delittuose" quali traffico di droga e armi, riciclaggio, usura, estorsioni e rapine. È quanto si legge nella relazione della Direzione Investigativa Antimafia relativa al primo semestre 2016.

"A questo stato di cose - spiegano gli investigatori Antimafia - sembra aver concorso la detenzione degli storici capi dei clan e la progressiva assunzione dei ruoli di vertice da parte di giovani emergenti, lontani dagli schemi gerarchici e dalle regole tramandate dai predecessori". Le indagini hanno documentato anche un ricorso sempre più raro ai riti di affiliazione mafiosa. Su tutto il territorio pugliese emerge un "forte dinamismo nel traffico di sostanze stupefacenti, dove prosegue l'interazione con i sodalizi albanesi, serbi, montenegrini, bosniaci e kossovari per lo smistamento dei carichi di droga diretti alle piazze di spaccio del centro e nord Italia". Le indagini di un anno fa rivelano inoltre contatti della mafia tarantina con cosche calabresi per il traffico di stupefacenti e il contrabbando di sigarette, oltre ad una significativa presenza di gruppi criminali pugliesi in Germania e Spagna per traffico di droga e armi e come luoghi di rifugio per i latitanti.

Nell'analisi delle singole province, la Dia evidenzia come a Bari e in provincia sono attivi gruppi che operano nel traffico di droga e nel racket delle estorsioni, soprattutto nel settore dell'edilizia dove sono state documentate assunzioni di persone legate ai clan per la guardiania dei cantieri. Anche qui le indagini hanno accertato la presenza di "giovani emergenti che tendono a disconoscere l'autorità dei capi clan". Inoltre "le giovani generazioni di criminali appaiono meno sensibili all'autorevolezza dei capi e sembrano mal tollerare le direttive dei boss più anziani, rispetto ai quali tendono a sostituirsi" dimostrando anche una "minor attrattiva per le cerimonie di affiliazione".

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.