Home Cronaca Omicidio Sciannimanico, condannato a 30 anni Luigi Di Gioia

Omicidio Sciannimanico, condannato a 30 anni Luigi Di Gioia

Il gup del Tribunale di Bari Francesco Agnino ha condannato a 30 anni il pregiudicato barese Luigi Di Gioia, accusato dell’omicidio premeditato dell’agente immobiliare Giuseppe Sciannimanico, ucciso a Bari il 26 ottobre 2015. Il giudice, al termine di un processo con rito abbreviato, ha condannato l’imputato anche a risarcire le parti civili. In particolare, Di Gioia è stato condannato a pagare provvisionali di 250mila euro ai genitori della vittima, di 100mila euro per il fratello Pasquale e 175mila euro in favore della fidanzata Vanessa. Per il delitto è imputato in Corte d’assise l’ex collega di Sciannimanico, Roberto Perilli.

 

Secondo il pm Francesco Bretone, i due avrebbero attirato la vittima in una trappola fissando un appuntamento per vedere un appartamento e lo avrebbero poi ucciso con due colpi di pistola. Movente dell’omicidio l’invidia professionale di Perilli che avrebbe così deciso di eliminare un concorrente.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo