/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Usura, 600mila euro di interessi da cliente a cui aveva prestato soldi: condannato l’avvocato barese Fabio Casalini

Usura, 600mila euro di interessi da cliente a cui aveva prestato soldi: condannato l’avvocato barese Fabio Casalini

Il gup del Tribunale di Bari Roberto Oliveri del Castillo ha condannato alla pena di 3 anni di reclusione e 5mila euro di multa l'avvocato barese Fabio Casalini, imputato per usura ai danni di un imprenditore. La notizia della sentenza è emersa nel corso dell'assemblea ordinaria della Fondazione Antiusura San Nicola e Santi Medici di Bari.

Stando alle indagini della Guardia di Finanza, Casalini avrebbe prestato in otto anni, dal 2003 al 2011, 1,2 milioni di euro ad un ristoratore barese suo cliente, facendosi consegnare 1,8 milioni di euro: 600mila dei quali di interessi con tassi calcolati fino al 257 per cento. Nell'aprile 2014 Casalini fu destinatario di un sequestro preventivo per equivalente di 600mila euro, oggi sottoposti a confisca. Il giudice ha inoltre condannato l'imputato al risarcimento danni nei confronti delle costituite parti civili, l'imprenditore e la Fondazione, difesi dall'avvocato Edoardo Altieri con provvisionale immediatamente esecutiva di 20mila euro, oltre alla interdizione per cinque anni dai pubblici uffici e dalla professione forense.

"Oggi è una giornata storica - ha dichiarato Monsignor Alberto d'Urso, presidente della Fondazione - per la prima volta in terra di Bari in un processo in cui la Fondazione Antiusura si è costituita parte civile, è stata emessa una sentenza di condanna contro un usuraio che va ben oltre la richiesta della pubblica accusa". L’accusa infatti aveva chiesto 2 anni e 9 mesi.

"L'usura e il racket sono fenomeni tra i più odiosi - ha detto il prefetto Domenico Cuttaia, Commissario Straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative Antiracket e Antiusura - perché entra nell'intimità delle persone e delle famiglie. Hanno a monte una organizzazione criminale tra le più intelligenti, sono reati difficilissimi da individuare e molte denunce si bloccano nella fase iniziale. La Puglia però - ha aggiunto - è ben più avanti per sensibilità e forza di denuncia rispetto agli altri territori contro il reato di usura perché la gente reagisce alle ingiustizie chiedendo aiuto alle forze dell'ordine".

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.