/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Modugno, assalti armati ai tir: sgominata dai Carabinieri pericolosa banda criminale - VIDEO

Modugno, assalti armati ai tir: sgominata dai Carabinieri pericolosa banda criminale - VIDEO

Carabinieri del Comando Provinciale di Bari questa mattina hanno eseguito 15 provvedimenti cautelari a carico di altrettanti soggetti appartenenti ad un gruppo criminale dedito alle rapine ai tir, ai furti ed alla ricettazione di merce rubata.

A seguito della preoccupante escalation delle rapine ai tir carichi di merce, anche di ingente valore, con contestuale sequestro dei conducenti, spesso stranieri, nella provincia di Bari, nel marzo del 2015, i Carabinieri di Modugno hanno avviato un’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Bari, che ha permesso di ricostruire perfettamente le dinamiche criminali per cui oggi sono stati eseguiti gli arresti.

Il piano ha dato i primi risultati sin da subito, allorquando furono arrestati sul fatto due rapinatori che, armi in pugno, avevano appena assaltato un tir carico di elettrodomestici, televisori ed altro materiale elettronico, per un valore complessivo di oltre 50mila euro. Il prezioso carico era diretto ad una nota catena di rivendita, quando quattro individui, tutti armati di pistola e con il volto coperto da passamontagna, avevano sbarrato la strada al camion nei pressi di Ruvo di Puglia, incappucciando l’autista, facendolo sdraiare sul sedile posteriore di un’auto di grossa cilindrata e facendo perdere le proprie tracce con l’intero carico.

L’immediata attivazione del piano antirapina disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Bari, con l’ausilio anche di un elicottero che si era immediatamente alzato in volo, permise di localizzare un’auto sospetta, poi rivelatasi quella della rapina, che, alla vista dei Carabinieri, tentò la fuga, rimanendo però bloccata tra la vegetazione. Per i due fuggitivi, braccati a piedi dai militari e con l’elicottero sulla verticale, non ci fu scampo e scattarono le manette.

La conseguente attività investigativa ha messo in luce l’esistenza di una vera e propria banda strutturata e specializzata nel compimento dei suddetti crimini, con l’uso di pistole e fucili. Ben due gruppi “operativi” agivano sotto la direzione di soggetti di elevata caratura criminale.

La banda, attivando predisposte apparecchiature “jammer”, allo scopo di disattivare gli antifurti satellitari dei veicoli pesanti da rapinare, li affiancavano e costringevano i conducenti ad abbandonare i mezzi che, condotti da uno dei complici, venivano instradati, per essere privati del carico, verso depositi a disposizione della banda, situati spesso in zone isolate. Successivamente i tir saccheggiati e gli autisti, che nel frattempo venivano trattenuti legati, bendati ed imbavagliati a bordo di una delle auto usate dai delinquenti, venivano abbandonati in aree lontane dalla rete stradale principale.

La merce rapinata veniva immessa nel circuito illegale con la complicità di altri soggetti anch’essi arrestati nell’ambito dell’indagine. L’inchiesta ha tra l’altro ben delineato i ruoli rivestiti dai criminali, individuandone i promotori ed organizzatori nonché coloro che materialmente si occupavano di assaltare gli autotreni e di sequestrarne i rispettivi conducenti e quelli che assicuravano lo svolgimento in sicurezza delle operazioni di scarico della refurtiva. Complessivamente, l’attività ha permesso di raccogliere inconfutabili elementi di responsabilità a carico della compagine, in ordine a ben 6 diversi episodi delittuosi del genere descritto.

Nel corso dell’indagine sono stati tratti in arresto 2 rapinatori, sottoponendo tra l’altro a sequestro refurtiva del valore complessivo di un milione di euro.

 

In carcere sono finiti Carlo Mininni, di 54 anni, Giuseppe Laricchia, di 37 anni, Francesco Calò, di 39, Giuseppe Massari, di 35, Giovanni Del Core, di 56, Michele Pellegrino, di 45, Michele Carone, di 46 anni, Vincenzo Carone, di 29 anni, Sebastiano Cellamare, di 47 anni, e Tommaso Amendolagine, di 51 anni. Gli arresti domiciliari sono stati concessi a Francesco Ferrigno, di 39 anni, e Giuseppe Gernone, di 30 anni. L'obbligo di dimora e firma è stato notificato a Giuseppe Colucci, di 63 anni, Domenico Fiore, di 27 anni, e Antonello Sasanelli, di 40 anni. Tutti sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere armata finalizzata alla rapina e al sequestro di persona.

Modugno, assalti armati ai tir: sgominata dai Carabinieri pericolosa banda criminale - VIDEO
Watch the video

Modugno, assalti armati ai tir: sgominata dai Carabinieri pericolosa banda criminale - VIDEO

Carabinieri del Comando Provinciale di Bari questa mattina hanno eseguito 15 provvedimenti cautelari a carico di altrettanti soggetti appartenenti ad un gruppo criminale dedito alle rapine ai tir, ai furti ed alla ricettazione di merce rubata.

A seguito della preoccupante escalation delle rapine ai tir carichi di merce, anche di ingente valore, con contestuale sequestro dei conducenti, spesso stranieri, nella provincia di Bari, nel marzo del 2015, i Carabinieri di Modugno hanno avviato un’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Bari, che ha permesso di ricostruire perfettamente le dinamiche criminali per cui oggi sono stati eseguiti gli arresti.

Il piano ha dato i primi risultati sin da subito, allorquando furono arrestati sul fatto due rapinatori che, armi in pugno, avevano appena assaltato un tir carico di elettrodomestici, televisori ed altro materiale elettronico, per un valore complessivo di oltre 50mila euro. Il prezioso carico era diretto ad una nota catena di rivendita, quando quattro individui, tutti armati di pistola e con il volto coperto da passamontagna, avevano sbarrato la strada al camion nei pressi di Ruvo di Puglia, incappucciando l’autista, facendolo sdraiare sul sedile posteriore di un’auto di grossa cilindrata e facendo perdere le proprie tracce con l’intero carico.

L’immediata attivazione del piano antirapina disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Bari, con l’ausilio anche di un elicottero che si era immediatamente alzato in volo, permise di localizzare un’auto sospetta, poi rivelatasi quella della rapina, che, alla vista dei Carabinieri, tentò la fuga, rimanendo però bloccata tra la vegetazione. Per i due fuggitivi, braccati a piedi dai militari e con l’elicottero sulla verticale, non ci fu scampo e scattarono le manette.

La conseguente attività investigativa ha messo in luce l’esistenza di una vera e propria banda strutturata e specializzata nel compimento dei suddetti crimini, con l’uso di pistole e fucili. Ben due gruppi “operativi” agivano sotto la direzione di soggetti di elevata caratura criminale.

La banda, attivando predisposte apparecchiature “jammer”, allo scopo di disattivare gli antifurti satellitari dei veicoli pesanti da rapinare, li affiancavano e costringevano i conducenti ad abbandonare i mezzi che, condotti da uno dei complici, venivano instradati, per essere privati del carico, verso depositi a disposizione della banda, situati spesso in zone isolate. Successivamente i tir saccheggiati e gli autisti, che nel frattempo venivano trattenuti legati, bendati ed imbavagliati a bordo di una delle auto usate dai delinquenti, venivano abbandonati in aree lontane dalla rete stradale principale.

La merce rapinata veniva immessa nel circuito illegale con la complicità di altri soggetti anch’essi arrestati nell’ambito dell’indagine. L’inchiesta ha tra l’altro ben delineato i ruoli rivestiti dai criminali, individuandone i promotori ed organizzatori nonché coloro che materialmente si occupavano di assaltare gli autotreni e di sequestrarne i rispettivi conducenti e quelli che assicuravano lo svolgimento in sicurezza delle operazioni di scarico della refurtiva. Complessivamente, l’attività ha permesso di raccogliere inconfutabili elementi di responsabilità a carico della compagine, in ordine a ben 6 diversi episodi delittuosi del genere descritto.

Nel corso dell’indagine sono stati tratti in arresto 2 rapinatori, sottoponendo tra l’altro a sequestro refurtiva del valore complessivo di un milione di euro.

 

In carcere sono finiti Carlo Mininni, di 54 anni, Giuseppe Laricchia, di 37 anni, Francesco Calò, di 39, Giuseppe Massari, di 35, Giovanni Del Core, di 56, Michele Pellegrino, di 45, Michele Carone, di 46 anni, Vincenzo Carone, di 29 anni, Sebastiano Cellamare, di 47 anni, e Tommaso Amendolagine, di 51 anni. Gli arresti domiciliari sono stati concessi a Francesco Ferrigno, di 39 anni, e Giuseppe Gernone, di 30 anni. L'obbligo di dimora e firma è stato notificato a Giuseppe Colucci, di 63 anni, Domenico Fiore, di 27 anni, e Antonello Sasanelli, di 40 anni. Tutti sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere armata finalizzata alla rapina e al sequestro di persona.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.