/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, prostituzione minorile al San Nicola. I due pedofili confessano: “Sesso in cambio di soldi e regali”

Bari, prostituzione minorile al San Nicola. I due pedofili confessano: “Sesso in cambio di soldi e regali”

Hanno confessato ogni addebito i due anziani arrestati due giorni fa dai Carabinieri di Bari per atti sessuali con un 13enne rom. Vincenzo Vinciguerra, 69enne barese, e Pasquale Marziliano, 74enne di Bitetto, sono stati sottoposti questa mattina ad interrogatorio di garanzia dinanzi al gip del Tribunale di Bari Giovanni Anglana.

Hanno deciso di rispondere alle domande del giudice e del pm che ha coordinato le indagini, Marcello Quercia, ammettendo di essersi appartati con il minorenne in cambio di soldi e regali. I due anziani, difesi rispettivamente dagli avvocati Simona Cuomo e Clemente Guarnieri, sono in carcere su disposizione della magistratura barese per due episodi risalenti al 31 marzo e al 2 aprile scorsi ma sono ancora in corso accertamenti su fatti precedenti che avrebbero per vittima lo stesso 13enne e anche su altri minorenni che gli indagati avrebbero adescato per fini sessuali.

Al termine degli interrogatori di garanzia il difensore di Vinciguerra ha chiesto l'attenuazione della misura cautelare con concessione degli arresti domiciliari presso una struttura di cura. Dalla lettura degli atti d'indagine emerge anche che i due, nel timore di essere scoperti dopo aver saputo che il 13enne era stato sentito dai Carabinieri, sarebbero arrivati a "pensare di mettere a tacere l'intera vicenda - riferiscono gli inquirenti - pagando il padre del piccolo, così facendosi ulteriore scudo della situazione di indigenza economica e bisogno in cui versano le famiglie di etnia rom e tentando di risolvere il tutto con 200 o 300 euro, come se il denaro - scrive la Procura - potesse salvare il minore dal danno psicologico che i due ormai gli hanno inflitto".

Dalle indagini non emergono responsabilità del padre del ragazzo, il quale anzi pochi giorni prima degli arresti ha denunciato i due per i presunti abusi sul figlio minore.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.