/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Monopoli, uccidono anziano facendolo cadere dalla scogliera. Il 17enne fermato: “Domani scappo”

Monopoli, uccidono anziano facendolo cadere dalla scogliera. Il 17enne fermato: “Domani scappo”

"Domani scappo". Lo ha detto in caserma, intercettato in ambientale a sua insaputa, il 17enne fermato ieri insieme con un 15enne per aver spinto due anziani da una scogliera di Monopoli, causando la morte del 77enne Giuseppe Dibello.

La Procura per i Minorenni di Bari ipotizza a carico dei due ragazzi i reati di omicidio volontario e tentato omicidio a scopo di rapina. I due, identificati poche ore dopo il fatto, sono stati subito convocati dai Carabinieri e sentiti a sommarie informazioni. Le dichiarazioni che li incastrerebbero sono quelle captate con intercettazione ambientale. Oltre ad insospettire gli investigatori sul pericolo di fuga accelerando le procedure verso il fermo dei due ragazzi, uno di loro ha anche commentato il fatto chiedendosi, in sintesi, "quanti anni di galera ci costerà questa storia?". Affermazioni che, secondo gli inquirenti, contribuirebbero a dimostrare la loro responsabilità.

Sulla vicenda interviene anche il procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bari, Ferruccio De Salvatore. "Fatti come questi ci devono mettere in allarme – dice all’Ansa - minorenni che pongono in essere un gesto così efferato con questa modalità e altri episodi avvenuti negli ultimi mesi nel distretto, dimostrano come la violenza stia influenzando le condotte individuali dei nostri ragazzi".

"Dobbiamo riflettere tutti, - continua De Salvatore - magistrati, forze dell'ordine, giornalisti, scuola. Dobbiamo metterci tutti in discussione. Il valore della vita sta venendo decisamente meno e siamo di fronte ad una povertà culturale nella quale i valori sono cancellati, hanno un minor peso. Negli ultimi mesi nell'intero distretto assistiamo ad una escalation di violenza e uso di armi da parte di giovanissimi. Bisogna capire come intervenire per fare prevenzione".

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.