Terrorismo, presi due "possibili lupi solitari" in Puglia: fratelli tunisini inneggiavano all'Isis

Terrorismo, presi due "possibili lupi solitari" in Puglia: fratelli tunisini inneggiavano all'Isis

Una operazione antiterrorismo coordinata dalla Dda di Bari ha portato all'esecuzione di due diversi provvedimenti nei confronti di due fratelli tunisini residenti a Foggia. Uno di loro è stato sottoposto a fermo per apologia di terrorismo e detenzione di armi. Al fratello, rintracciato a Padova, è stato notificato un decreto di espulsione.

 

L'indagine della Digos di Bari, in collaborazione con quelle di Foggia e Padova e sotto il coordinamento della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione (Ucigos), è finalizzata a "prevenire e debellare - si legge in una nota della Questura di Bari - il fenomeno dei cosiddetti lupi solitari ispirati dal Daesh". Gli approfondimenti investigativi hanno consentito di accertare che entrambi i fratelli erano, via Facebook e con altre chat, in contatto con persone ritenute vicine all'estremismo islamico, condividendo anche sui social network post inneggianti all'Isis.

 

Il cittadino tunisino, ora in carcere per apologia del terrorismo, si chiama Kamel Sadeaoui e ha 34 anni. Il provvedimento è stato eseguito il 5 maggio scorso. Dalle indagini della Digos è emerso che "avvalendosi di sofisticate tecniche di monitoraggio del web, in particolare dei social media, il cittadino tunisino fosse impegnato in attività di propaganda dello Stato Islamico tramite la pubblicazione su Facebook di video e post di esaltazione delle azioni compiute dalle milizie della stessa formazione terroristica". Il 34enne, inoltre, "era solito accompagnare i documenti di propaganda con la frase 'Lo Stato Islamico sopravvivrà'. Nel medesimo contesto è stato accertato - spiega la Procura di Bari - che l'estremista tunisino, durante una conversazione, aveva esaltato la figura dell'attentatore dei mercatini di Natale di Berlino".

L'inchiesta è stata coordinata dai pm della Dda di Bari Giuseppe Gatti e Lidia Giorgio ed è stata denominata 'Barakaat'. 

 

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Questo sito utilizza cookies di Google Analytics e dei principali social network. Se sei d'accordo continua la navigazione o accetta. Altrimenti abbandona il sito web!