/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Sbarcati 248 migranti al porto di Bari, salvati dal canale di Sicilia: tra loro 50 bambini e donne in attesa - LE FOTO

Sbarcati 248 migranti al porto di Bari, salvati dal canale di Sicilia: tra loro 50 bambini e donne in attesa - LE FOTO

Sono sbarcati a Bari, questa mattina, a bordo della nave "Peluso" della Guardia Costiera, 248 migranti, di cui 50 minori, e una donna incinta provenienti dall'Africa subsahriana (questi i dati ufficiali della Prefettura). Hanno toccato la costa pugliese dopo essere stati tratti in salvo, ieri, nel Canale di Sicilia, dove erano arrivati a bordo di due gommoni.

 

I migranti sono stati accolti dai medici della ASL di Bari che hanno allestito una Posto medico avanzato, coadiuvati dagli operatori della Croce Rossa Italiana, per i primi screening sanitari. Il bollettino ufficiale dell'Azienda Sanitaria barese registra solo un caso di sospetta patologia epidemica e la necessità di ricovero anche per tre minori. Per uno di loro si sospetta meningite. Il minore è stato messo in isolamento, come da procedura, in attesa degli esami che domani chiariranno il quadro clinico.

 

Sul posto anche unità mobili dei Carabinieri e della Polizia Municipale. Attiva la macchina dei servizi sociali del Comune di Bari, in particolare dell'Area immigrazione, che dovrà valutare con il Tribunale dei minori, i provvedimenti più opportuni da adottare per i minorenni non accompagnati. Lunedì mattina i migranti saranno trasferiti e smistati nei centri di accoglienza dell'area metropolitana.

 

Necessitano di indumenti, scarpe estive, materiale per l'igiene personale e alimenti a lunga conservazione (latte, biscotti, olio, pasta e succhi frutta). Da oggi pomeriggio alla 15.00 è stata avviata la raccolta straordinaria negli uffici immigrazione dell'assessorato o al Welfare del Comune, in piazza Chiurlia. Beni di prima necessità sono stati distribuiti anche dalle associazioni In.Con.Tra ed Equanima, che hanno assistito i migranti sbarcati per tutta la mattinata, fornendo abiti e scarpe per le prime necessità.

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.