Home Cronaca Sbarcati 248 migranti al porto di Bari, salvati dal canale di Sicilia:...

Sbarcati 248 migranti al porto di Bari, salvati dal canale di Sicilia: tra loro 50 bambini e donne in attesa – LE FOTO

Sono sbarcati a Bari, questa mattina, a bordo della nave “Peluso” della Guardia Costiera, 248 migranti, di cui 50 minori, e una donna incinta provenienti dall’Africa subsahriana (questi i dati ufficiali della Prefettura). Hanno toccato la costa pugliese dopo essere stati tratti in salvo, ieri, nel Canale di Sicilia, dove erano arrivati a bordo di due gommoni.

 

I migranti sono stati accolti dai medici della ASL di Bari che hanno allestito una Posto medico avanzato, coadiuvati dagli operatori della Croce Rossa Italiana, per i primi screening sanitari. Il bollettino ufficiale dell’Azienda Sanitaria barese registra solo un caso di sospetta patologia epidemica e la necessità di ricovero anche per tre minori. Per uno di loro si sospetta meningite. Il minore è stato messo in isolamento, come da procedura, in attesa degli esami che domani chiariranno il quadro clinico.

 

Sul posto anche unità mobili dei Carabinieri e della Polizia Municipale. Attiva la macchina dei servizi sociali del Comune di Bari, in particolare dell’Area immigrazione, che dovrà valutare con il Tribunale dei minori, i provvedimenti più opportuni da adottare per i minorenni non accompagnati. Lunedì mattina i migranti saranno trasferiti e smistati nei centri di accoglienza dell’area metropolitana.

 

Necessitano di indumenti, scarpe estive, materiale per l’igiene personale e alimenti a lunga conservazione (latte, biscotti, olio, pasta e succhi frutta). Da oggi pomeriggio alla 15.00 è stata avviata la raccolta straordinaria negli uffici immigrazione dell’assessorato o al Welfare del Comune, in piazza Chiurlia. Beni di prima necessità sono stati distribuiti anche dalle associazioni In.Con.Tra ed Equanima, che hanno assistito i migranti sbarcati per tutta la mattinata, fornendo abiti e scarpe per le prime necessità.

 

[bt_slider uid=”1495390594-5921d98278cf3″ target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1908.JPG” title=”IMG_1908.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1916.JPG” title=”IMG_1916.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1909.JPG” title=”IMG_1909.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1906.JPG” title=”IMG_1906.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1910.JPG” title=”IMG_1910.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1914.JPG” title=”IMG_1914.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1903.JPG” title=”IMG_1903.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1905.JPG” title=”IMG_1905.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_1902.JPG” title=”IMG_1902.JPG” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy
Articolo precedenteBari, vento fa crollare il palco durante concerto a Pane e Pomodoro: ferite due persone
Articolo successivoTG Telebari sera 19 05 17
Cristina Ferrigni
Cristina Ferrigni, nata a Bari nel 1973, è giornalista professionista, redattrice per l’emittente tv “TELEBARI”, diretta da Maddalena Mazzitelli. Assegnata alla sezione "cronaca", ha realizzato servizi e inchieste sul crimine organizzato. Attualmente è impegnata anche nella conduzione dei Tg. E' stata impegnata all’estero, come Embedded nelle aree di crisi. Nel 2011 ha realizzato un reportage in Kosovo, al seguito dal Reggimento Artiglieria Terrestre “Trieste” di Foggia. Laureata in Lettere moderne, ha frequentato, presso l’Ordine dei Giornalisti della Puglia i corsi di “Cronaca Giudiziaria” e “Giornalismo e comunicazione in aree di crisi” (in collaborazione con lo Stato Maggiore della Difesa). Dal 2013 collabora con il web magazine su Difesa, Comunicazione e Cultura "DeArmas", diretto da G. Ranaldo.

Dì la tua! Commenta l'articolo