/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, traffico di droga e contrabbando di sigarette: Savinuccio assolto in appello. Sentenza arriva dopo 20 anni

Bari, traffico di droga e contrabbando di sigarette: Savinuccio assolto in appello. Sentenza arriva dopo 20 anni

La Corte di Appello di Bari ha assolto il boss Savinuccio Parisi, capo dell'omonimo clan del quartiere Japigia, dall'accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga. Ha inoltre dichiarato il non luogo a procedere per l'accusa di associazione finalizzata al contrabbando di sigarette in quanto il boss è già stato condannato per gli stessi fatti in un altro processo, ed ha infine dichiarato la prescrizione di singoli episodi di contrabbando risalenti agli anni Novanta.

 

La sentenza arriva a circa 20 anni dai fatti contestati, al termine del procedimento penale chiamato dagli inquirenti della Dda di Bari “Maestro”, nato nel 2002 dopo le dichiarazioni del pentito Pietro Losurdo, all'epoca braccio destro di Savinuccio.

 

In primo grado, nell'ottobre 2005, il boss fu assolto dall'accusa di associazione finalizzata al traffico di droga e condannato per il contrabbando di sigarette a 7 anni di carcere. In Appello, cinque anni dopo, la condanna fu aumentata a 8 anni e sei mesi perché i giudici lo ritennero colpevole anche di aver gestito il traffico di droga per circa un decennio. La Cassazione nel 2012, accogliendo il ricorso dei difensori Raffaele Quarta e Rubio Di Ronzo, annullò con rinvio. Oggi il processo di appello bis si è concluso senza alcuna condanna.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.