/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, viale Don Luigi Sturzo invaso dalle blatte. L'Amiu interviene: "Colpa della disinfestazione di aziende private"

Bari, viale Don Luigi Sturzo invaso dalle blatte. L'Amiu interviene: "Colpa della disinfestazione di aziende private"

Un'invasione di blatte in viale Don Luigi Sturzo, un fenomeno dovuto a una migrazione causata con molta probabilità dall'intervento di qualche azienda privata che ha operato una disinfestazione approssimativa in zona, così come appreso dall'Amiu. "Una fuoriuscita del genere di blatte non può essere naturale - sottolineano dalla municipalizzata - ma siamo intervenuti questo pomeriggio alle 14.30 con un lavaggio disinfestante. Un operatore, successivamente, ha provveduto a ripulire la strada dalle blatte morte mentre domani mattina è previsto un ulteriore sopralluogo. Questo fuggi fuggi generale di insetti è dovuto all'intevento maldestro di qualche azienda privata". 

 

Esattamente come le formiche, le blatte sono tra gli insetti più resistenti a variazioni climatiche ed eventi atmosferici. Motivo per cui debellare il fenomeno della loro fuoriuscita dalle fogne è impossibile. Si può però contenere il disagio andando ad operare preventivamente, così come fa l'Amiu con interventi mirati all'inizio della stagione estiva. E la zona di viale Don Luigi Sturzo, tra l'altro, non è neanche di competenza dell'azienda del neo presidente Sabino Persichella. "Noi interveniamo sulla fogna bianca e parte della mista - apprendiamo - mentre tutto il resto del 'pacchetto' è affidato all'Acquedotto Pugliese". Al momento la strada è stata ripulita dai "cadaveri" delle blatte, così come si vede nelle foto. Ovviamente, è possibile che nelle prossime possano uscirne altre, motivo per cui è stato già predisposto un monitoraggio per domattina. Secondo intervento straordinario dell'Amiu in meno di due giorni. 

 

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.