/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Perde 900 euro alle macchinette, aggredisce barista e rapina il fornitore delle slot: arrestato figlio del boss Santeramo

Perde 900 euro alle macchinette, aggredisce barista e rapina il fornitore delle slot: arrestato figlio del boss Santeramo

Nella mattinata di ieri le forze dell’ordine hanno notificato la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti del 37enne Salvatore Santeramo, figlio del noto boss del nord barese Pasquale Santeramo e già con numerosi precedenti penali a carico. La misura è stata emessa dal Tribunale di Trani e notificata presso la Casa Circondariale di Lecce dove l’uomo è detenuto per altra causa.

 

Il provvedimento scaturisce da un’indagine portata avanti dal commissariato di Barletta a seguito di un episodio avvenuto in città lo scorso 25 marzo quando, nelle prime ore del mattino, gli agenti della volante intervennero presso un bar della periferia cittadina dove era stata segnalata la presenza di un uomo che, dopo aver giocato alle slot machine ed aver perso circa 900 euro, si era infuriato ed aveva preteso la restituzione della somma persa a causa del presunto malfunzionamento delle macchine. Poco dopo, accortosi dell’arrivo delle forze dell’ordine allertate dal barista, si era dileguato.

 

Alcune ore dopo poi, ritornato nel bar in questione, aveva minacciato il gestore del bar, costringendolo a contattare il titolare della ditta fornitrice delle slot ed a farlo arrivare sul posto per poi rapinarlo della somma di 650 euro e del telefono cellulare che l’uomo aveva preso in mano per allertare le forze dell’ordine.

 

Sulla scorta delle attività di indagine che ne sono seguite, anche grazie alle immagini registrate dalle telecamere del bar, e ricostruite le fasi dell’aggressione, si è giunti quindi all’identificazione dell’arrestato. Ulteriori accertamenti hanno poi consentito di appurare che l’uomo si era allontanato arbitrariamente dalla comunità “Oasi 2” di Trani dove era stato collocato dopo l’affidamento in prova ai servizi sociali dal Tribunale di Sorveglianza di Bologna.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.