/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Traffico di droga, armi e sequestro di persona: 23 condanne. In carcere anche i fratelli Baldassare di Terlizzi

Traffico di droga, armi e sequestro di persona: 23 condanne. In carcere anche i fratelli Baldassare di Terlizzi

Il gup del Tribunale di Bari Antonio Diella ha condannato a pene comprese fra i 20 anni e i 18 mesi di reclusione 23 pregiudicati accusati di traffico di droga, armi e sequestro di persona. I fatti contestati dalla Dda di Bari risalgono agli anni 2012-2013 e sarebbero stati commessi in alcuni comuni del nord barese. Stando alle indagini dei Carabinieri, coordinate da pm Antimafia Giuseppe Maralfa, a capo dell'organizzazione c'erano i due fratelli di Terlizzi Vincenzo e Gioacchino Baldassarre, condannati oggi entrambi a 20 anni di carcere.

 

Oltre ai fratelli Baldassarre, il gup di Bari - al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato - ha condannato alla stessa pena gli altri due presunti promotori dell'organizzazione criminale, i pregiudicati Saverio Belviso e Saverio Stefanelli. Tra le imputazioni è contestato anche il sequestro di persona di uno dei componenti del gruppo che nel gennaio 2013 fu portato in campagna e stava per essere gambizzato per punizione, per una partita di droga non pagata. L'uomo fu salvato dall'intervento dei carabinieri che, indagando sul traffico di stupefacenti, arrivarono in un fabbricato rurale di proprietà della famiglia Baldassarre, dove arrestarono quattro pregiudicati trovati in possesso di tre pistole e mezzo chilo di sostanze stupefacenti.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.