/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, omicidio Massari: dopo la sentenza di condanna arrestati i nipoti della vittima

Bari, omicidio Massari: dopo la sentenza di condanna arrestati i nipoti della vittima

A sei anni dall'omicidio di Nicola Massari, ucciso il 13 luglio 2011 nella sua casa al quartiere San Paolo di Bari, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata notificata oggi nei confronti dei due presunti assassini, nipoti della vittima. I pregiudicati baresi Giuseppe Massari, di 35 anni, e Vito Romito, di 31, già detenuti a Taranto e Lucera per altri fatti, sono stati condannati ieri per il delitto dalla Corte di Assise di Appello di Bari - dopo due assoluzioni in primo e secondo grado e l'annullamento con rinvio della Cassazione - rispettivamente a 22 anni e a 16 anni di carcere.

 

All'indomani della sentenza, su richiesta della Procura Generale, i giudici hanno disposto l'arresto per i due imputati (difesi dagli avvocati Raffaele Quarta e Daniela Castelluzzo), che fino ad oggi erano accusati dell'omicidio a piede libero. L'ordinanza è stata notificata in carcere da agenti della Polizia di Stato di Bari per i reati di omicidio aggravato, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco e tentata rapina aggravata in concorso.

 

Nicola Massari sarebbe stato ucciso per essersi rifiutato di consegnare 50 euro per l'acquisto di cocaina. Nell'ordinanza i giudici evidenziano la "pericolosità dei due soggetti vicini al clan mafioso denominato Montani del quartiere San Paolo di Bari" e motivano le esigenze cautelari "per il concreto pericolo di reiterazione di reati della stessa specie, come conclamato anche dall'atteggiamento fortemente minatorio tenuto nei confronti di famigliari della vittima".

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.