Home Cronaca Furgone carico di hashish e marijuana sulla Casamassima-Conversano: arresto 52enne. Emporio della...

Furgone carico di hashish e marijuana sulla Casamassima-Conversano: arresto 52enne. Emporio della droga nel magazzino dell’azienda

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari hanno sequestrato oltre 400 chili di hashish, circa 40 chili di marijuana e un chilo di eroina per un valore sul mercato di oltre 5 milioni di euro.

 

L’operazione dei finanzieri iniziava alle prime luci dell’alba di giovedì 19 ottobre sulla strada provinciale 65 Casamassima-Conversano, dove i militari intercettavano un furgone che procedeva a velocità sostenuta e luci spente. Un’immediata ricognizione del mezzo consentiva di rinvenire, all’interno di alcune taniche in plastica, cinque chili di hashish e un chilo di marijuana. Il conducente del veicolo, un uomo di 52 anni di Taranto, veniva quindi arrestato in flagranza di reato.

 

Successive perquisizioni effettuate all’interno di un magazzino dell’azienda agricola di proprietà dell’uomo, ubicato a Castellaneta, facevano scoprire ulteriori quattro quintali di droga, 30mila euro in contanti, una macchinetta “contasoldi” e vario materiale per il confezionamento della droga.

 

[bt_slider uid=”1508490921-59e9bea9de599″ target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/22664457_10154818896671603_236873598_o.jpg” title=”22664457_10154818896671603_236873598_o.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/22662637_10154818896681603_218766496_o.jpg” title=”22662637_10154818896681603_218766496_o.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/22662614_10154818896661603_196564679_o.jpg” title=”22662614_10154818896661603_196564679_o.jpg” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo