/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Brindisi, sequestro beni per 370mila euro a società smaltimento rifiuti: sospetto giro di mazzette

Brindisi, sequestro beni per 370mila euro a società smaltimento rifiuti: sospetto giro di mazzette

Con l'accusa di aver nascosto al fisco imponibili per 2 milioni di euro ed evaso l'Iva per oltre 600mila euro, la Guardia di Finanza ha eseguito un provvedimento di sequestro di beni e disponibilità finanziarie per 370mila euro nei confronti della società di raccolta e smaltimento di rifiuti 'Reteservizi Srl'.

 

Si tratta dell'impresa attorno alla quale - secondo l'accusa - ruota il giro di tangenti agli amministratori pubblici nel settore degli appalti che due giorni fa ha portato a 12 arresti, tra cui quattro amministratori pubblici, due sindaci del Brindisino (Villa Castelli e Torchiarolo) e due vicesindaci, uno sempre del Brindisino e l'altro di Poggiorsini, nel Barese. La Guardia di finanza di Ostuni (Brindisi) ha eseguito una verifica fiscale sull'azienda ed ha rilevato che gli amministratori hanno evaso le imposte.

 

Sono indagate 3 persone per reati tributari compiuti attraverso la presentazione di dichiarazioni fraudolente alterate sia dall'utilizzo di fatture relative ad operazioni inesistenti sia mediante l'occultamento di documenti contabili. A carico delle tre persone indagate è stato emesso dal gip di Brindisi il provvedimento di sequestro per equivalente: i sigilli sono stati apposti a disponibilità finanziarie per un ammontare complessivo di oltre 60mila euro e a 15 automezzi, strumentali all'attività di impresa, per un valore complessivo di oltre 310 mila euro.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.