Home Cronaca Monopoli, controlli della Polizia Locale su B&B e case vacanza: sanzionate 18...

Monopoli, controlli della Polizia Locale su B&B e case vacanza: sanzionate 18 strutture di cui 10 completamente abusive

L’Assessore allo Sviluppo Economico Giuseppe Campanelli comunica che dal 1° settembre al 15 ottobre sono stati effettuati dal Nucleo Operativo Annona della Polizia Locale 35 controlli a campione delle strutture ricettive dislocate sul territorio cittadino: in particolare dei B&B e case vacanza.

 

I controlli hanno dato esito regolare per 17 strutture su 35 mentre sono state elevate sanzioni per un totale di 27.456 euro a 18 strutture. Di queste, ben 10 sono risultate completamente abusive e cioè prive di qualsiasi autorizzazione.

 

“Un ringraziamento particolare va agli agenti di Polizia Locale che hanno svolto il delicato compito di controllo – commenta l’assessore Campanelli – perché sono intervenuti con grande tatto e discrezione al fine di non sconvolgere gli equilibri di ospitalità con i turisti che, ignari, soggiornavano in queste strutture”.

 

“L’azione di controllo è stata messa in atto al fine di ristabilire la leale concorrenza con chi rispetta la legge e paga le imposte e chi no ma soprattutto per garantire uno standard qualitativo di alto livello delle strutture nella nostra offerta ricettiva turistica – continua l’assessore -. Questi controlli costituiscono poi un deterrente all’abusivismo. Le strutture regolarizzate infatti, negli ultimi 5 anni, sono aumentate vertiginosamente: i B&B autorizzati sono passati dai 43 di allora ai 161 di oggi. Il dato diventa ancora più significativo quando si parla di case vacanza e affittacamere: qui si passa dalle 7 autorizzazioni esistenti cinque anni fa alle 102 di oggi. Ragionando su questi numeri si capisce che è pur vero che i dati che ruotano intorno al turismo sono cresciuti tanto ma che è cresciuta soprattutto la tendenza a regolarizzare le strutture ricettive”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo