/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Monopoli, insulti all’ingresso della sede dei Giovani Democratici. Il sindaco: “Atto ignobile e vergognoso”

Monopoli, insulti all’ingresso della sede dei Giovani Democratici. Il sindaco: “Atto ignobile e vergognoso”

“L’Amministrazione Comunale di Monopoli esprime la propria solidarietà nei confronti dei Giovani Democratici per le scritte con le quali è stata imbrattata la propria sede. Si tratta un atto gravissimo, ignobile e vergognoso”. Ad affermarlo è il sindaco di Monopoli, Emilio Romani.

 

“L’episodio non è semplicemente un attacco ad una formazione politica ma anche ad un modo di concepire la politica che deve essere sempre basata sul rispetto delle idee altrui e sul confronto. A chi pensa il contrario, dovremmo dare una risposta chiara e univoca. Quando il confronto scende a livelli così bassi diventa una brutta cosa non solo per il partito che ha subito l’attacco, ma anche per la stessa convivenza civile”, conclude Romani.

 

Dopo quanto accaduto a Bari durante il Consiglio Comunale, con l’insulto sessista scritto su una scheda anonima alla consigliera Irma Melini, un altro caso, seppure diverso, di grettezza legato alla sfera della politica. “Episodi come questo sono la dimostrazione di come il dibattito politico sia ormai trasceso - commenta Marco Lacarra, consigliere regionale e segretario del Pd pugliese - . Alla piazza e al confronto, magari nelle sedi istituzionali, si preferiscono insulti anonimi che dequalificano l’immagine di una città intera. Esprimo la mia solidarietà al segretario cittadino del Pd monopolitano, Felice Indiveri, e a tutti gli iscritti e, soprattutto, ai giovani che ogni giorno cercano di usare quella sede per fare politica in modo corretto”.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.