Home Cronaca Tentato omicidio Pentassuglia a Capurso, imputati assolti in Appello “per non aver...

Tentato omicidio Pentassuglia a Capurso, imputati assolti in Appello “per non aver commesso il fatto”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

La Corte di appello di Bari ha assolto ‘per non aver commesso il fatto’ dall’accusa di tentato omicidio aggravato i pregiudicati Nico Giuseppe Calzolaio e Filippo Cacciapaglia. In primo grado i due imputati, difesi dagli avvocati Giancarlo Chiariello, Beppe Montebruno, Andrea Melpignano e Massimo Roberto Chiusolo, erano stati condannati a 12 anni di reclusione per il ferimento del sorvegliato speciale Onofrio Pentassuglia, avvenuto a Capurso (Bari) il 15 marzo 2015.

 

Stando alla ricostruzione accusatoria, la vittima sarebbe stata prima picchiata in piazza e poi raggiunta sotto casa da un ‘commando’ di tre sicari. Uno di loro, Michele Pagone (già condannato in abbreviato a 5 anni e 6 mesi di reclusione), ferì Pentassuglia all’altezza dei reni con un fucile a canne mozzate, mentre gli altri due lo avrebbero aspettato in auto. I giudici di secondo grado hanno condiviso la tesi difensiva e hanno assolto i due imputati ritenendo che non abbiano avuto alcun ruolo nell’agguato.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui