/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Corato, baby malavitosi estorcevano denaro a minore con botte e minacce: arrestati tre giovanissimi delinquenti

Corato, baby malavitosi estorcevano denaro a minore con botte e minacce: arrestati tre giovanissimi delinquenti

Un’ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita dai Carabinieri nei confronti di tre minorenni di Corato, ritenuti responsabili di estorsione aggravata nei confronti di un loro coetaneo. Un ragazzo che sarebbe stato costretto con percosse a consegnare in più occasioni al trio “malavitoso” diverse somme di denaro. Le indagini dei militari sono partite dopo la denuncia della vittima che lo scorso giugno, stanca della situazione, si è presentata dai Carabinieri.

 

Secondo quanto emerso dalle indagini il terzetto, in una prima occasione, avrebbe minacciato il coetaneo di percuoterlo se non avesse dato loro la somma di 200 euro. Denaro consegnato dal minore, pochi giorni dopo, nel luogo concordato con i piccoli presunti estorsori. Due settimane dopo la richiesta sarebbe aumentata a 300 euro. Per timore di essere picchiato, il giovane avrebbe dato ancora una volta tutte le banconote. I fatti risalirebbero a maggio scorso, periodo in cui i familiari della vittima hanno notato un cambiamento nell’umore del ragazzino.

 

In un’occasione, mentre passeggiava per strada accompagnato da parenti, avrebbe incontrato i suoi aguzzini. Alla loro vista il giovane si è immobilizzato, secondo quanto appreso, per pronunciare due semplici parole: “ho paura”. Il ragazzino era infatti diventato un bersaglio fisso dei tre, che operavano con una certa dimestichezza per estorcere denaro. Uno seduto su una panchina monitorava l’area circostante, mentre gli altri due portavano a termine “l’affare”.

 

Il modo di operare e il pericolo che gli stessi potessero reiterare questo tipo di condotta nei confronti di altri soggetti, sono stati determinanti nella scelta dell’Autorità Giudiziaria di sottoporre il più giovane dei tre alla misura cautelare del collocamento in comunità, mentre per gli altri due la misura cautelare della permanenza in casa.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.