Home Cronaca Giovinazzo, finestrini in frantumi e via col bottino mentre i genitori prendono...

Giovinazzo, finestrini in frantumi e via col bottino mentre i genitori prendono i figli da scuola: arrestati

I carabinieri di Giovinazzo hanno arrestato una coppia di baresi, lui 44enne e lei 31enne, entrambi censurati, considerati dai militari autori di una lunga serie di furti in autovetture, parcheggiate nei pressi degli istituti scolastici, durante l’orario di uscita.

 

Da diverse settimane una coppia a bordo di un’auto scura di piccola cilindrata, all’uscita dalle scuole di Molfetta e Giovinazzo, approfittando della confusione e della fretta di tanti genitori che lasciavano incustoditi borse e borselli all’interno dei mezzi per poter prendere i propri figli, dopo aver individuato l’auto da colpire, con mossa fulminea, mandavano in frantumi il finestrino riuscendo ad asportare quanto veniva trovato, compreso buste della spesa, contenenti i più svariati articoli alimentari. Il tutto anche sotto gli occhi attoniti dei passanti impossibilitati a reagire.

 

Data la gravità della situazione, i militari della compagnia di Molfetta, in divisa e in borghese, presidiavano ormai da diversi giorni le scuole oggetto dell’attenzione della coppia. Sino a quando nella giornata di ieri, in via del Ciuccio, una pattuglia appostata nei pressi della scuola veniva allertata da un passante del furto in atto ai danni del proprietario di una Opel Insigna. Immediato l’intervento dei militari che bloccavano i due ladri, dopo qualche centinaia di metri, con ancora in mano la refurtiva: una borsetta con effetti personali e pochi contanti, che veniva restituita all’avente diritto.

 

Sono in corso indagini per risalire alle responsabilità dei due per gli atri eventi, il cui modus operandi appare agli inquirenti identico a quello accaduto a Giovinazzo. Gli arrestati, in attesa di essere processati per direttissima, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo