/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Tentato omicidio, estorsioni e violenze per il controllo di Palo del Colle: arresti nel clan Strisciuglio – I NOMI

Tentato omicidio, estorsioni e violenze per il controllo di Palo del Colle: arresti nel clan Strisciuglio – I NOMI

Questa mattina, a Palo del Colle, i Carabinieri di Bari supportati dal VI Elinucleo e dal Nucleo Cinofili di Modugno, hanno dato esecuzione a tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo e in concorso, di tentato omicidio, estorsione, lesioni personali aggravate, violenza privata, violenza o minaccia per costringere taluno a commettere un reato e detenzione di armi da guerra, con l’aggravante del metodo mafioso. Le indagini, cominciate a maggio, hanno svelato l’esistenza di un gruppo criminale armato sul territorio di Palo del Colle collegato al clan Strisciuglio di Bari.

 

A finire in manette sono stati Claudio Bufano, 38enne di Bitonto, Marcantonio Lucatuorto, 25enne di Palo del Colle, eNicola Milillo, 41enne di Palo del Colle.

 

L’attività investigativa ha documentato come i tre, allo scopo di esercitare il controllo malavitoso del territorio, non abbiano esitato a rendersi autori di numerose azioni violente nei confronti dei pusher del luogo, in un’occasione tentando di cagionarne la morte, per costringerli a rifornirsi da loro di cocaina e marijuana, approvvigionate nella città di Bari, tra l’altro stabilendo anche le varie modalità di smercio della droga: prezzo, luogo e quantità giornaliere.

 

L’inchiesta ha inoltre documentato come la compagine abbia imposto il pagamento del pizzo ad un imprenditore edile della zona, minacciandolo di morte con l’uso delle armi.

 

Durante l’indagine sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto anche altri tre soggetti. Sono stati sequestrati un kalashnikov, un fucile a canne mozze e cospicui quantitativi di droga.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.