/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Puglia, la denuncia dei Vigili del Fuoco: “Mezzi e risorse insufficienti per garantire sicurezza”

Puglia, la denuncia dei Vigili del Fuoco: “Mezzi e risorse insufficienti per garantire sicurezza”

Continua l'emergenza per i Vigili del Fuoco della Puglia che, durante tutto il 2017, hanno denunciato la carenza di mezzi e risorse per esercitare in modo idoneo la loro professionalità: mezzi obsoleti, ambienti di lavoro non adeguati, divise e equipaggiamenti personali non a norma non permettono di operare in sicurezza e, quindi, di garantire la piena efficienza dei servizi di soccorso resi ai cittadini.

 

L'ultima denuncia arriva dal comando provinciale di Bari. Da settimane, non c'è acqua calda per i vigili del fuoco, costretti a farsi la doccia in un container, sistemato in un'autorimessa: si tratta della stessa soluzione emergenziale in uso nei campi base in caso di interventi per calamità naturale.

 

La denuncia arriva da Fp Cgil, Fp Cisl e Uil Flp di Bari che in una nota, hanno richiesto «interventi urgenti per il ripristino della centrale termica, degli ambienti docce e dei servizi igienici in tre sedi: nella sede centrale del comando provinciale di Bari, al distaccamento Fiera, sempre a Bari, e a Molfetta». La situazione, spiegano le organizzazioni sindacali, non è più sostenibile per i lavoratori, considerando le temperature rigide delle ultime settimane e le scarse condizioni igienico-sanitarie che queste soluzioni emergenziali procurano. «Così si mette a serio rischio la salute degli operatori e, di conseguenza, l'efficienza del soccorso reso ai cittadini», ribadisce a riguardo Patrizia Tomaselli, segretario Fp Cgil.

 

Fp Cgil, Fp Cisl e Uil Flp di Bari richiedono quindi un celere intervento degli organismi interessati, ciascuno per la propria competenza. In caso contrario, si preannunciano azioni di protesta a tutela dei lavoratori.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.