/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Molluschi e pesce in cattivo stato di conservazione o privo di tracciabilità: sequestri tra San Giorgio, Casamassima e Rutigliano

Molluschi e pesce in cattivo stato di conservazione o privo di tracciabilità: sequestri tra San Giorgio, Casamassima e Rutigliano

Due tonnellate e mezza di prodotti ittici sono stati sequestrati dalla Guardia Costiera che fino alla fine dell’anno è impegnata nell’operazione “Dirty Market”, presso i rivenditori all’ingrosso e al dettaglio della provincia di Bari. La maggior parte dei prodotti sequestrati è considerato di dubbia provenienza e privo di etichettatura, tracciabilità e informazioni obbligatorie, spesso in cattivo stato di conservazione.

 

Alcuni esemplari sono stati trovati già sfilettati e ridotti in tranci in modo da non consentire l’individuazione della specie. L’operazione ha consentito di sequestrare presso un grossista alimentare di prodotti etnici di Casamassima, 220 chili di prodotto ittico congelato, con denominazioni commerciali e scientifiche non incluse nell’elenco delle specie ittiche di interesse commerciale (tra cui pesce essiccato privo di tracciabilità).

 

In una pescheria di Rutigliano sono stati rinvenuti 3 vasconi pieni di acqua con all’interno 290 chili di molluschi bivalvi (ostriche, cozze, vongole, fasolari) destinati alla commercializzazione e posti sotto sequestro per violazioni delle norme igienico-sanitarie.

 

A Santo Spirito è stato sequestrato un deposito abusivo per lo stoccaggio e la lavorazione di prodotto ittico, in precarie condizioni igienico-sanitarie, con celle frigo ossidate, e con all’interno 200 chili di prodotto vario in cattivo stato di conservazione.

 

Infine questa mattina sono stati sequestrati ben 850 chilidi prodotto ittico privo di tracciabilità a San Giorgio, presso un grossista che funge anche da centro di spedizione. La Guardia Costiera invita i consumatori a prestare attenzione affinché non effettuino incautamente acquisti di prodotti di dubbia provenienza o venduti in violazione delle più elementari norme igienico-sanitarie. L’attività di controllo continuerà nei prossimi giorni e fino al termine delle festività natalizie.

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.